Giochi di carte: i benefici per il benessere mentale e per la memoria

Per molte persone giocare a carte non è solo un passatempo che aiuta a rilassarsi e ad allietare pomeriggi e serate assieme a parenti e amici, ma rientra a tutti gli effetti tra le varie sfaccettature che vanno a comporre il proprio bagaglio culturale.

Lunedì, 08 Febbraio 2021 17:01

Soprattutto nel meridione, i giochi di carte rappresentano un appuntamento irrinunciabile durante le vacanze natalizie, ma condiscono più in generale la vita di tutti i giorni, soprattutto delle persone più avanti con l’età. Una partita a briscola, a burraco o a baccarat rende i freddi pomeriggi invernali meno noiosi e allo stesso tempo offre una scusa in più per stare in compagnia nelle serate estive.
Ma non è tutto. Recenti studi in ambito psicologico hanno messo in risalto un legame diretto tra giochi di carte e benessere mentale.

Secondo una ricerca di un’università americana, i giochi di carte sono consentono di raggiungere un grado di concentrazione e di lucidità superiore a quello di chi non è solito cimentarsi in passatempi del genere. Chi si impegna regolarmente in esercizi mentali risulta essere meno soggetto a condizioni come la demenza senile.
Ecco una serie di effetti benefici direttamente collegati a questo tipo di giochi.

Capacità mentali e personalità

Imparare regole, strategie, e a interpretare il linguaggio del corpo di compagni di squadra o avversari rappresenta un compito che mantiene la mente allenata e la costringe a sforzarsi a immagazzinare nuove conoscenze. Ogni gioco ha le sue caratteristiche e questo richiede la capacità di adattarsi a stimoli sempre nuovi e di tenere quindi sempre alta la concentrazione. Si tratta quindi di strade parallele che si sviluppano spesso lungo tutto il percorso di vita di ogni persona che, oltre a ingenerare uno stato di soddisfazione legato ai risultati ottenuti, è utile per lo sviluppo della propria personalità e di capacità che altrimenti rimarrebbero inespresse.

Capacità matematiche e pensiero logico

Molti giochi di carte richiedono una capacità di calcolo che deve essere unita a un certo tipo di reattività. L’essere allenati ad affrontare situazioni del genere ha un’innegabile utilità anche nelle situazioni che ci si ritrova ad affrontare durante la quotidianità. Talvolta i meccanismi puramente matematici devono essere integrati da altri scenari che invece risultano imprevedibili e di difficile lettura. Il continuo rapportarsi a situazioni completamente diverse, aiuta a tenere l’attenzione sempre alta e a far lavorare il cervello in una maniera tutt’altro che banale e scontata.

Concentrazione, pazienza e disciplina

Le serate tra amici caratterizzate da qualsiasi gioco di carte possono proseguire ad oltranza senza che ci si renda conto dello scorrere del tempo, e questo è dovuto senz’altro al fattore divertimento, ma anche dalla voglia di prevalere sull’avversario. Per arrivare al risultato è necessario tenere alta la concentrazione, seguire una strategia precisa, e questo spesso implica una predisposizione alla pazienza e alla disciplina che si possono migliorare solo col tempo e tanto allenamento.

Accettazione della sconfitta

Perdere non è mai gradevole, ma si tratta di una situazione che bisogna saper affrontare. Il gioco delle carte è perfetto a tale scopo perché si tratta di un aspetto connaturato e inevitabile. Se si gioca a qualsiasi gioco di carte ci si ritroverà a perdere di continuo, a prescindere dalla propria bravura. E questo non è soltanto utile per acquisire una certa dimestichezza con eventi poco graditi e insiti in situazioni in cui si ha competizione, ma serve testare la propria capacità di reazione per evitare il ripetersi delle stesse. Chi è in grado di imparare dai propri errori avrà più possibilità di prevalere in futuro.

Capacità mnemoniche

Le carte costituiscono un metodo straordinario per migliorare le proprie capacità mnemoniche e per mantenere la mente sempre pronta ad affrontare nuove necessità e nuovi scenari. L’osservazione attenta dello scorrere del gioco, del susseguirsi di segni, colori e numeri non fa altro che sottoporre il cervello a un lavoro continuo che alla lunga andrà a giovare sull’abitudine a soffermarsi sui dettagli e a ricordarli.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

La presidente dell'Associazione Titolari di Farmacia della Provincia della Spezia, Elisabetta Borachia ascoltata oggi in commissione consigliare. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Elena Voltolini - Dopo la delibera provinciale, parola ai Comuni soci. Oggi il passaggio in Commissione, il 29 aprile la modifica dello statuto approda nel Consiglio comunale spezzino. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa