Levigatrice a nastro: cos’è e a cosa serve In evidenza

Qualche utile consiglio per scegliere la più adatta alle proprie esigenze.

Lunedì, 09 Settembre 2019 10:16

Levigare è una delle operazioni più note sia agli hobbisti che ai professionisti, soprattutto falegnami e fabbri. In passato per levigare le superfici ci si affidava all’olio di gomito e alla tradizionale carta abrasiva, mentre con l’avvento dell’elettronica di consumo si è dato il via ad un ricco filone di strumenti ed utensili di varia forma e grandezza, ognuno specifico per determinati tipi di lavoro.

La levigatrice elettrica ha fortemente rivoluzionato il mondo del lavoro e del fai da te diversificandosi in numerosi modelli come la levigatrice orbitale, rotorbitale, a delta, palmare, da banco ed a nastro.

La levigatrice a nastro è sicuramente una delle più diffuse e soprattutto una delle più versatili. Il suo funzionamento è abbastanza semplice ed intuitivo poiché la levigatura viene effettuata attraverso il movimento automatico di un nastro di carta abrasiva teso tra due rulli di carta posti alle due estremità della macchina. In tempi recenti queste levigatrici sono state progettate anche per lavorare come una levigatrice “fissa”, ancorata ad un banco di lavoro ed utilizzabile, ad esempio, come mola o per altri lavori. Il vantaggio delle levigatrici moderne è quello di velocizzare il processo di lavorazione in maniera significativa, aumentando la produttività ed anche la durata stessa della carta abrasiva che, sulla macchina, ha un’usura maggiormente regolare e “pulita” rispetto all’utilizzo manuale.

Come scegliere la levigatrice

Un aspetto da tenere in considerazione è l’alimentazione. Difatti, una levigatrice a nastro può presentare alimentazione elettrica, a batteria o pneumatica ed ognuna di queste soluzioni è pensata per differenti tipi di lavorazione. Di sicuro, quelle elettriche sono le più diffuse, mentre quelle pneumatiche sono utilizzate a livello professionale e necessitano di un compressore di media potenza per funzionare al meglio. Il lato positivo delle levigatrici pneumatiche è la maggiore durata delle componenti poiché non ci sono parti elettriche ma solo meccaniche che garantiscono una certa affidabilità.

Per quanto riguarda i modelli elettrici, che sono sicuramente i più utilizzati e adatti anche all’uso domestico, c’è da tenere presente la potenza stessa del motore che deve garantire la giusta spinta per effettuare una levigatura efficacie e deve essere capace di lavorare per lungo tempo senza problemi. Tra i 200 ed i 600 watt possiamo parlare di levigatrici amatoriali che permettono di fare piccoli lavori di levigatura senza eccessive pretese. Per gli utilizzi prolungati, e per ampie superfici, è necessario rivolgersi a macchine che abbiano una potenza minima compresa tra i 700 ed i 900 watt.

A cosa serve?

Sebbene l’utilizzo principale sia sul legno, la levigatrice lavora su diverse superfici e materiali come il ferro, il marmo, o altri tipi di materiali. Il suo ruolo è quello di sgrossare le superfici, levigarle appunto, per ridefinirne i contorni o le asperità del materiale. La levigatrice può essere fissata ad un banco da lavoro ed essere utilizzata come levigatrice da banco, come mola o semplicemente per affilare i coltelli. È chiaro che la levigatrice a nastro è ideale per rimuovere grosse quantità di materiale come ad esempio vernici da infissi, ringhiere o mobili mentre per le parti meno accessibili è indicato utilizzare un diverso modello di levigatrice oppure affidarsi alla carteggiatura a mano. I nastri di carta abrasiva, naturalmente, sono di differenti grane per permettere rifiniture scalari fino a rendere le aree trattate perfettamente levigate. Per quanto riguarda i nastri da utilizzare, esistono in commercio carte di diverso genere e di diversa qualità. La carta abrasiva tradizionale può lavorare perfettamente sul legno ma per ferro e marmo è opportuno utilizzare nastri appositi capaci di resistere a sollecitazioni maggiori e non permettere che il nastro si usuri troppo velocemente o si rompa.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"Non ho visto nessuno indignarsi quando un'esponente del Movimento Cinque Stelle mi ha chiamato cinghiale grasso". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Un grande dipinto abbellisce ora la facciata della scuola. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa