Pallavolo, Giulia Stiaffini da Santo Stefano a Monza "via" Nazionale Under 16 In evidenza

Conosciamo meglio questa ragazza talentuosa. 

Domenica, 05 Agosto 2018 11:20

A star calma non è buona e così Giulia Stiaffini, come durante la scorsa stagione pallavolistica femminile si spartiva fra la 1^ Divisione con la Mulattieri Valdimagra e l’ Under 16 della Cpo Carrarese, stavolta ha trascorso un avvio d’estate alla velocità della luce...che l’ha vista convocata dapprima a un “concentramento” azzurro giovanile a Genova, quindi dal Club Italia al Centro Pavesi di Milano dove (per alcune ore) l’hanno tenuta sotto torchio insieme a un’altra coetanea arrivata a sua volta da lontano, infine a un allenamento della Nazionale italiana “U16” ad Alassio.
E non è ancora finita, poiché come noto la Stiaffini è in procinto di trasferirsi da Santo Stefano al “vivaio” del Vero Monza, complesso di Serie A; nel frattempo, a proposito, ha pure cambiato posizione: su indicazione monzese non è più un “martello”, bensì un palleggiatore, ruolo peraltro a cui ella ha sempre aspirato.
.
Sarzanese di nascita, classe 2004, lericina d’adozione. A S. Stefano arrivò dal Lunigiana. Su di lei al Vero Volley sono pronti a scommettere.
"La ragazza è intelligente ed estremamente motivata – afferma Claudio Bianchi, Responsabile del Vero della rete di società affilate a livello giovanile, fra le quali c’è oltre al Valdimagra pure il Centro Volley Autorev Spezia – e non è un caso che sia stata chiamata dal settore “verde” dell’ Italia come non lo è che venga da noi. La velocità e scioltezza di movimento ce la fanno vedere più in costruzione che non a schiacciare".

Nella foto, Giulia Stiaffini insieme a mamma Ilaria e papà Manrico, al Palaconti santostefanese

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Doris Fresco- Proseguono gli appelli per restaurare quello che è un vero e proprio "monumento", luogo simbolo di Lerici. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Non ancora definitivo, si continua a scavare sotto le macerie. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa