Sfiorata la rissa tra Asti e Ricciardi in Comune In evidenza

di Gabriele Cocchi - I due sono stati divisi dagli agenti della Polizia Municipale.

Mercoledì, 27 Febbraio 2019 16:38

Momenti tesi durante il consiglio comunale, dopo la protesta sotto palazzo civico per chiedere le dimissioni del consigliere di maggioranza Fabio Cenerini.

Gli agenti della Polizia Municipale sono stati costretti a dividere Jacopo Ricciardi, della segreteria regionale di Rifondazione Comunista, e l'assessore Paolo Asti, che avevano iniziato a discutere animatamente sulle parole che Cenerini ha detto ieri in un'intervista a Gazzetta della Spezia.

Cenerini, rispondendo alla critiche di Ricciardi sul suo post riguardo alla professoressa spezzina Catia Castellani, lo aveva invitato a prendere 264 preferenze, quelle che lui ha ottenuto alle ultime elezioni, prima di criticarlo pubblicamente.

L'argomento ha innescato la scintilla tra Ricciardi e Asti, che dal livello verbale ha rischiato di sfociare in quello fisico. "Non mi vieni davanti così, faccia a faccia!", ha detto Ricciardi all'assessore.

I due alla fine hanno parlato tra loro civilmente, dopo qualche minuto in cui la tensione è stata parecchio alta.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Dovrà rispondere di detenzione di droga ai fini di spaccio. I Carabinieri lo controllavano già da tempo. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Nel mirino la nuova dotazione della Polizia Locale: "60 mila euro di spesa quando mancano bibliotecari e assistenti sociali". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa