"Perchè Peracchini ha scelto di non incontrare i lavoratori?" In evidenza

Le domande degli esponenti PD.

Giovedì, 08 Novembre 2018 19:37
Abbiamo letto sconcertati quanto è accaduto ieri, a seguito della manifestazione dei lavoratori di Acam Ambiente, che scioperavano in segno di solidarietà nei confronti della collega licenziata.

Il tema è politico, caro sindaco, altro che no.

Dove sta la politica? Non certo nel merito delle regole del lavoro, dei contratti e delle aule dei tribunali, a cui Peracchini fa ormai spesso riferimento. La politica è l’arte di governare la società, lo stesso Aristotele la definiva “l'amministrazione della polis, per il bene di tutti”.

Fugato il dubbio che un sindaco faccia politica, ora vorremmo capire: perché ha scelto di non incontrare i lavoratori?

Manca una vera e plausibile spiegazione alla domanda, che è diventata quella centrale della manifestazione di ieri, superando addirittura le ragioni del perché i lavoratori in massa abbiano aderito allo sciopero e deciso di sfilare sotto palazzo civico.

Manca un atto di responsabilità da parte del primo cittadino, che ha il dovere di ascoltare le istanze di cittadini e lavoratori; non si può asserragliare a palazzo senza che questo desti una reazione.

Il tema che si muove intorno al licenziamento della dipendente non solo riguarda una società a partecipazione del Comune, ma soprattutto attiene a quale ruolo in tutta questa vicenda abbia svolto un suo assessore, dipendente della stessa azienda che controlla in qualità di amministratore del comune. Il suo ruolo, controllore e controllato, istituzionale- politico e lavorativo, imporrebbe da parte del sindaco una seria riflessione sull’opportunità quanto meno di rivedere le sue deleghe; invece il sindaco decide che la vicenda è politica per cui non lo riguarda, nel suo ruolo istituzionale.

Come pretende che un assessore, che dunque fa politica, che interviene con un ruolo a dir poco confuso, in una vicenda che ha condotto al licenziamento di una lavoratrice, non scateni una reazione anche politica?

Come pensa di affrontare i problemi della città, se non è nemmeno in grado di dare risposte alla classe lavoratrice, che per anni rivendica di avere difeso? Ha dunque smesso di stare con i lavoratori? Per quale ragione, per difendere la sua maggioranza?

Crediamo che il sindaco debba svolgere un ruolo di garanzia e di tutela; se manca la volontà di confrontarsi allora viene meno un principio della democrazia, che ci fa temere per il futuro della città.

A dire il vero non è una novità il fatto che non si esprima mai sui grandi temi, ma arrivare al punto di non accogliere nella casa comunale sindacati e lavoratori è molto peggio di tutto quanto abbia fatto fino ad oggi.


I Segretari di circolo dell'Unione Comunale Partito Democratico La Spezia

 

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito Democratico

 Sostegno alle affermazioni dell'ex sindaco Galazzo. Leggi tutto
Partito Democratico
I due esponenti del PD sottolineano che sono servite mobilitazioni per ottenere il risultato e ribadiscono che i posti di lavoro erano davvero a rischio. Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa