Coronavirus, Lombardi: "Si tutelino i lavoratori della grande distribuzione"

Il Consigliere comunale spezzino chiede provvedimenti immediati, alla luce di un numero di casi di positività che definisce "rilevante".

Domenica, 22 Novembre 2020 14:16
Punto vendita della grande distribuzione Punto vendita della grande distribuzione

 

I lavoratori dipendenti dei settori privati della Grande Distribuzione non hanno mai smesso di lavorare, nonostante i contagi stiano aumentando drasticamente, anche nei loro luoghi di lavoro.

A seguito del nuovo DPCM le presenze di clienti, nella grande distribuzione Alimentare sono quasi raddoppiate; mentre i controlli da parte di chi dovrebbe garantire salute e sicurezza, dalla fine della primavera ad oggi, sono minimali, praticamente inesistenti, così come nelle fabbriche e nei cantieri navali.

Se analizziamo il numero delle vittime sui luoghi di lavoro, così come segnalate dagli "Osservatori nazionali vittime e infortuni sui luoghi di lavoro" ci accorgiamo che ad oggi sono quasi 700 e non sono tutti sanitari, numero che con i decessi a casa è sicuramente superiore.

Rilevo che per Inail i lavoratori della Grande Distribuzione sono a rischio 0.03. Codice ATECO : distribuzione alimentare "basso rischio", cassieri "medio basso rischio".

Non viene considerato il rischio dei clienti tenendo presente che il rapporto dipendente /cliente è di 1 a 3/4 sulla carta (molto di più). Ho appreso che i casi covid e quarantena nei supermercati a Spezia e a Massa in questo momento sono rilevanti.

L'Asl è in difficoltà, spesso ha completamente perso la tracciabilità dei casi, nonostante le svariate denunce; spesso non avverte le aziende (anzi, alle volte accade anche il contrario) e quindi i possibili contagiati sul luogo di lavoro.

A ciò si aggiunge che i tempi per ottenere l'esito dei tamponi sono aumentati a dismisura e a volte le aziende cercano di risolvere il problema.

Nella gestione dei rischi, qualche sporadico contingentamento e rare presenze delle forze dell'ordine, dopo specifiche denunce litigi con direzione, non risolve per nulla il problema.

I lavoratori dei supermercati sono coloro che hanno garantito la maggior parte della distribuzione dei generi alimentari nella nostra nazione dall' inizio della pandemia, pretendono e meritano rispetto e tutela concreta, non vuoti proclami.

I lavoratori sono stanchi e amareggiati e qualora non vengano tutelati saranno costretti a proclamare stati di agitazione per rivendicare i loro diritti, ciò si andrebbero a sommare a una situazione abbastanza esplosiva, ragion per cui si deve intervenire preventivamente ed immediatamente.

I lavoratori sono stati e sono i garanti della democrazia, occorre intervenire immediatamente per la salvaguardia dei loro diritti, delle loro famiglie e di chi va a comprare.


Massimo Lombardi
Consigliere Comunale Rifondazione Comunista/Spezia Bene Comune

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito della Rifondazione Comunista-FdS

Sarà possibile firmare presso la nostra sede in Via Lunigiana 545 domani martedì 16 Febbraio 2021 dalle 16 alle 18 Leggi tutto
Partito della Rifondazione Comunista-FdS

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa