Melley e Centi a Peracchini: "Dica la verità sui dati del focolaio di Covid" In evidenza

A metà settembre la percentuale tra tamponi e persone positive è arrivata al 14%.

Giovedì, 24 Settembre 2020 18:56

 

“Per settimane Peracchini e Toti ci hanno detto che “tutto va bene” e che “la situazione è totalmente sotto controllo”, mentre invece la curva del contagio in città saliva vertiginosamente.” Così Guido Melley e Roberto Centi, LeAli a Spezia, che continuano: “Nonostante il quadro di progressiva crescita epidemiologica il Sindaco e le altre Autorità di pubblica sicurezza e di protezione civile non hanno neanche tentato di arginare i mega assembramenti per la festa della promozione in serie A dello Spezia, affermando a posteriori che “non vi sono evidenti rapporti di causa-effetto tra i festeggiamenti di 20.000 persone e la forte impennata a fine agosto del virus”. Ci hanno poi propinato la favoletta del cluster generatosi nella sola comunità dominicana che ha portato a quella ignobile ed inutile ordinanza restrittiva sul solo quartiere Umbertino, ma senza mai fornire i dati a riscontro.”

Ed ancora: “Oggi cominciamo a scoprire qualcosa: un tremebondo Peracchini, come sempre asserragliato nel suo ufficio/fortino, ha rivelato pezzi di verità ad una delegazione di mamme che protestavano per la totale incertezza sulla riapertura delle scuole. Ha detto che il 14 settembre, poco prima dell’avvio dell’anno scolastico, la percentuale tra tamponi effettuati e persone positive è arrivata alla soglia monstre del 14% in città, mentre il dato a livello nazionale era del 1,5%".

"Come mai questo dato così importante non è stato comunicato per le vie istituzionali alla cittadinanza? - proseguono Centi e Melley - Come mai questa percentuale non è stata resa di pubblico dominio neanche per giustificare l’ordinanza della Regione, avallata supinamente dal Sindaco, dello scorso 11 settembre poi prorogata in queste ore? Come mai non sono state rese note le decisioni prese da Asl la scorsa settimana, dietro preciso input di AliSa e della Giunta Toti, di trasferire dei pazienti Covid medio gravi da Sarzana al S. Martino di Genova per alleggerire il carico sulla terapia intensiva del S. Bartolomeo? Come mai nessuno ha voluto precisare che la situazione stava diventando esplosiva nell’ospedale sarzanese e che bisognava correre ai ripari, diminuendo artatamente il numero dei ricoverati Covid in Terapia Intensiva per evitare di dover allargare i provvedimenti restrittivi ad una sorta di “zona rossa” su tutto il nostro territorio comunale? Perché tutti questi segreti e questo clima omertoso?”

Concludono Melley e Centi: “Come gruppo LeAli a Spezia abbiamo chiesto tutti gli atti intercorsi tra Comune, Asl e Regione dal primo luglio al 15 settembre ed inerenti la “gestione” di questa nuova drammatica epidemia. Pretendiamo di poter finalmente leggere dati e valutazioni di carattere medico-scientifico e di non dover adire le vie legali per ottenere quella verità che i cittadini si aspettano e che sino ad ora è stata occultata. Resta un legittimo sospetto di fondo: tutta questa omertà è servita per scopi elettorali?”

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Gabriele Cocchi – Sono una donna e uno studente universitario che avrebbero opposto resistenza all’invito degli agenti di mantenere le distanze. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il medico, che lavorava per l'Asl, avrebbe svolto anche la libera professione senza versare il contributo all'azienda sanitaria. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa