Melley e Centi chiedono dati e documenti sull'emergenza: "Peracchini li renda pubblici" In evidenza

Richiesta di accesso agli atti da parte dei consiglieri comunali: "I servizi sociali e sanitari non hanno in mano nulla".

Venerdì, 25 Settembre 2020 16:55

"Abbiamo fatto una richiesta formale di accesso agli atti per acquisire tutti i dati, i report medico-scientifici, le comunicazioni intercorse tra Comune, Asl e Regione dal primo luglio al 15 settembre riguardanti la nuova emergenza sanitaria ed in particolare le cause del focolaio registrato in città, che ha portato alla "famigerata" ordinanza di Toti di delimitazione delle attività sociali nel quartiere Umbertino, di obbligo delle mascherine h 24 e di rinvio dell'apertura delle scuole".

Lo affermano in una nota i consiglieri comunali Guido Melley e Roberto Centi, che continuano: "Volevamo avere tutti gli elementi di analisi correlati alla ripresa del virus a partire da agosto. Informazioni che sino ad oggi non sono state fornite in maniera chiara e trasparente dal Sindaco e dalle altre Autorità sanitarie e di pubblica sicurezza. Oggi riceviamo una nota dai servizi sociali e sanitari del Comune che attesta di non avere nulla di nulla in mano".

"A questo punto facciamo pubblicamente al Sindaco alcune semplici domande - concludono Melley e Centi - Esistono o no dati e comunicazioni da parte di Asl, Alisa e Regione a suffragio delle decisioni prese oppure il Comune ha avallato supinamente le direttive emanate in prima persona da Toti? Se questa documentazione esiste, chi la conserva gelosamente e quando e come sarà consegnata a noi Consiglieri comunali e resa nota una volta per tutte alla cittadinanza?".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Gabriele Cocchi – Sono una donna e uno studente universitario che avrebbero opposto resistenza all’invito degli agenti di mantenere le distanze. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il medico, che lavorava per l'Asl, avrebbe svolto anche la libera professione senza versare il contributo all'azienda sanitaria. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa