Sarzana, Iacopi non rinnega i suoi post: "Non mi pento, rifarei tutto da capo" In evidenza

di Alessio Boi - Prosegue il dibattito sulla riorganizzazione delle commissioni dopo la scissione della Lega. Iacopi corregge il tiro sulle bufere create sui social.

Mercoledì, 06 Maggio 2020 20:51

Mentre si discute sulla riorganizzazione delle commissioni dopo l'uscita dalla Lega dei consiglieri Luca Spilamberti e Maria Grazia Avidano, Emilio Iacopi, arrivato in cronaca nazionale per la condivisione di un meme sui social con un cecchino intento a fucilare chi canta "Bella Ciao", invece rimasto nel partito con leader Matteo Salvini, si esprime dichiarando che "rifarei tutto da capo, si deve vergognare chi ruba, io non ho fatto male a nessuno - e ancora - Peggio di me chi ha governato per 70 anni questa città".

Si accende il dibattito perché alle opposizioni non bastano i chiarimenti forniti dalla consigliera Avidano sul distaccamento dal partito col quale sono entrati in consiglio comunale. Nel comunicato stampa si legge che i due sarebbero usciti perché non si ritrovano più nella gestione locale della Lega, formando un gruppo misto, poiché alla consigliera sembra fuori luogo "fare un balzo, ma preferisco lavorare più in tranquillità".

Anche Federica Giorgi del Movimento 5 Stelle Sarzana chiede chiarimenti aggiuntivi: "Si doveva entrare a far parte di un altro gruppo politico, non il misto. L'uscita si fa quando non ci si riconosce più in un partito, ma in questo caso si tratta di questioni personali non chiare". Proseguono i bisticci tra il consigliere Luca Ponzanelli (Cambiamo!) e Beatrice Casini (Italia Viva) su dichiarazioni su Facebook, provvedimenti del 2015 della giunta Cavarra, continui botta e risposta su questioni personali.

Il tutto mentre la popolazione sarzanese, non diversamente da tutti i cittadini italiani, sta lottando contro il Coronavirus, piccoli imprenditori rischiano di chiudere, operai e dipendenti potrebbero rimanere a piedi e aspettano provvedimenti utili al mantenimento del tessuto economico.

Ma il gran finale giunge con le provocazioni di Daniele Castagna del Partito Democratico a Iacopi: "Emilio, sciogli questo nodo: vorremmo capire come mai fai le uscite, dopo qualche ora cancelli i post su Facebook, il giorno dopo ti penti ma adesso in consiglio comunale dichiari che rifaresti tutto da capo, dov'è la serietà e la coerenza?". E l'ex Carabiniere ribatte ridacchiando: "No, non mi pento". Non sappiamo se sia stato un commento espresso solo per ribattere alle provocazioni del consigliere di opposizione, ma di certo una persona che afferma di aver commesso una leggerezza e ribadisce "doverosamente le mie scuse alla Lega, all'Arma dei Carabinieri e a tutti quelli che si sono sentiti offesi dall'immagine", potrebbe almeno prendere la questione più seriamente.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

I dipendenti lavoreranno in smart working, la sede resterà chiusa fino al 26 gennaio. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Stabile il numero delle terapie intensive (7), i positivi residenti nello spezzino sono 959. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa