Emergenza Covid-19, Italia Viva: "I dati in Liguria non sono ancora chiari" In evidenza

 

"I dati dei contagi della Liguria iniziano finalmente a dare il quadro della situazione, ma inspiegabilmente non sono ancora chiari."

Venerdì, 10 Aprile 2020 11:12


Regione Liguria, secondo un articolo uscito in identica forma in alcune testate del Ponente e di Genova, avrebbe addolcito i dati del contagio per aiutarci a sostenere il carico emotivo di questi giorni.
È una pietosa bugia.

Regione Liguria e Alisa non erano in grado di fornire i dati ai cittadini perché non li avevano e non li fornivano neanche al Ministero della Salute.
Per settimane hanno inviato al Ministero i dati dei contagi complessivi che avevano registrato - compresi tutti i tamponi processati - solo che di quasi la metà non sapevano indicare l'appartenenza territoriale.
I dati in aggiornamento non sono mai stati, nè potevano esserlo, i tamponi in attesa di risultato, dacché erano conteggiati dal Ministero, evidentemente secondo le indicazioni regionali, tra i casi totali di contagio.
Banalmente e tragicamente Alisa aveva dati di contagi certificati ma non sapeva assegnarli per territorio.
Solo da mercoledì 8 aprile - dopo che il problema è stato sollevato da Italia Viva e anche da diversi quotidiani e solo dopo che Raffaella Paita ha depositato un'interrogazione parlamentare - solo dopo questi fatti - Alisa è riuscita a distribuire i contagi per territorio.

Ma ancora non riesce a essere trasparente come le altre regioni.
O forse teme che se inizierà a diffondere i dati correttamente e in modo trasparente ci accorgeremmo di quello che ieri ha rivelato il Sole 24 ore, che in Liguria si muore troppo e che i vertici regionali non mostrano di preoccuparsene o perché non lo sanno o perché non sanno che fare.

Invece di preoccuparsi del nostro umore Regione Liguria comunichi con chiarezza quanti sono anche i casi totali, i guariti e i decessi dall'inizio dell'epidemia divisi per territorio, se ne è a conoscenza.
Invece che del nostro patema d'animo si preoccupi di implementare i tamponi e somministrare test sierologici a chiunque lavori nelle attività essenziali, operatori sanitari e no; si preoccupi della nostra salute, presente e futura, iniziando da subito a individuare gli ospedali che nei mesi a venire ospiteranno malati covid e quelli in cui nella prossima convivenza con il virus potremo usare in sicurezza per curare le malattie comuni, senza continuare a sporcare ogni luogo di cura in cui trovi posti liberi.

Glielo chiediamo Presidente Toti perché da settimane era necessario estendere nei fatti e non a parole i controlli diagnostici e perché sin d'ora abbiamo bisogno di cure ordinarie e ne avremo ancora necessità in futuro e a tutto questo questo occorre pensare ora e già siamo in ritardo.

Antonella Franciosi e Gianluca Tinfena - coordinatori Italia Viva La Spezia

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Italia Viva

Il primo impegno sarà la campagna elettorale per le regionali. Soddisfazione anche per la nomina ottenuta da Raffaella Paita. Leggi tutto
Italia Viva
Il candidato Presidente punta sui soldi del Recovery Found, il consigliere regionale, invece, dice SI' al MES. Leggi tutto
Italia Viva

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa