Modalità di affido dei minori, interrogazione del M5S In evidenza

"Pretendiamo chiarezza, al via l’azione capillare dei gruppi 5 stelle in tutta la regione Liguria".

Lunedì, 22 Luglio 2019 14:37


Alla luce delle recenti inchieste in Emilia-Romagna e su input del gruppo di lavoro regionale Pari Opportunità del Movimento 5 Stelle, in coordinamento con quello nazionale, le consigliere comunali pentastellate Donatella Del Turco e Jessica De Muro formalizzano un'interrogazione che sarà discussa anche in altri consigli comunali e regionale.

 

Un'interrogazione per chiarire le modalità di affido dei minori, dati e numeri dei servizi e per verificare la correttezza delle procedure adottate dagli organi competenti. A portare avanti la battaglia è la consigliera comunale Jessica De Muro, membro della commissione Politiche Sociali, che ha formalizzato l'atto in consiglio comunale e che, grazie alla sinergia con i gruppi pentastellati locali, verrà esteso ai consigli comunali della regione Liguria.

Non solo Bibbiano. Sono molti, ogni anno, i minori allontanati coattivamente dalle proprie famiglie e non sempre, stando ad alcune inchieste giornalistiche, con motivazioni tali da giustificarne la drastica scelta. Urge una verifica. A tale proposito, il Gruppo di lavoro regionale Pari Opportunità, coordinato dalla consigliera regionale Alice Salvatore, coadiuvata dalla Senatrice Elena Botto, ha elaborato una serie di attività ispettive volte a conoscere «quanti sono attualmente i bambini allontanati dalla famiglia di origine e per quale durata», «a quale tipologia di affidamento extra familiare (specificando se trattasi di famiglia affidataria, singola persona, comunità di tipo familiare e istituto di assistenza pubblico o privato) si è ricorso», «quanti sono gli esiti positivi di rientro/riaffido del minore alla famiglia di origine», e «quanti controlli gli organi di competenza del Comune hanno attivato negli ultimi cinque anni e con quali esiti».

I 5 Stelle chiedono inoltre «in quanti casi di necessità e urgenza l’affidamento è stato disposto senza porre in essere gli interventi di sostegno e di aiuto alle famiglie di origine previste dalla Legge 28 marzo 2001, n. 149 e da quali organi competenti e a quale tipologia di affidamento extra familiare (specificando se trattasi di famiglia affidataria, singola persona, comunità di tipo familiare e istituto di assistenza pubblico o privato) si è ricorso per i suddetti casi».

«Il Movimento 5 Stelle della Spezia - commentano le consigliere spezzine Jessica De Muro e Donatella Del Turco - risponde prontamente all'appello delle parlamentari Alessandra Maiorino e Gilda Sportiello, promotrici del coordinamento nazionale Pari Opportunità. Il nostro obiettivo è quello di avere dati precisi da valutare riservandoci di richiedere successivamente la convocazione di una commissione. I fatti di Bibbiano hanno portato alla luce situazioni a cui mai avremmo voluto assistere e che, benché fiduciose nell’operato del nostro Comune, ci sentiamo umanamente in dovere di monitorare. Portare avanti questa azione tesa a promuovere una politica responsabile sul tema dell’affidamento familiare e sulle modalità e gestione di affidamento dei bambini nelle strutture è per noi una priorità.».

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Cinque Stelle

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa