Il 2021 sarà l’anno degli attacchi informatici?

 

Il lockdown ha forzato il passaggio al digitale per molte aziende che si ritrovano sempre più esposte ad attacchi da parte della criminalità informatica.

Martedì, 17 Novembre 2020 19:06

Il report di FireEyes intitolato Cyber Security Prediction 2021 prevede che nel prossimo anno aumenteranno gli attacchi informatici causati da ransomwere.

La pandemia da Covid 19 e il conseguente lockdown hanno forzato le aziende a trasferire online molte attività che prima venivano svolte in presenza.
Anche la vita personale di ognuno di noi ha subito una trasformazione verso il digitale. Ormai è frequente - se non addirittura necessario - darsi appuntamento online, su una delle tante piattaforme che offrono questo servizio, come Zoom, Skype, Google Meet e altre.

Questo passaggio all’online ha sicuramente i suoi benefici ma, come spesso accade, anche i suoi lati negativi. Uno tra questi è appunto la maggior esposizione agli attacchi da parte della criminalità informatica.

In questo periodo di emergenza sanitaria, i soggetti che sono stati presi di mira sono stati proprio gli ospedali e strutture mediche impegnate nelle ricerche di un vaccino.

Gran parte degli attacchi informatici avvengono tramite i sopra menzionati ransomwere, che impediscono di accedere alle informazioni del sistema o criptano i dati per renderli inutilizzabili. In cambio dei dati viene richiesto un pagamento, che ovviamente varia a seconda dell’importanza delle informazioni a cui si è riuscito avere accesso.

Un caso emblematico di attacco informatico è stato quello nel 2019 a danno di Eurobet Casino. In questo caso, sono stati bloccati tutti i server dell’operatore. Il sito internet risultò inaccessibile per diverse ore e su Twitter apparvero dei messaggi che invitavano al pagamento di un riscatto di parecchie migliaia di dollari in valuta virtuale.

Quest’anno invece il colosso Enel ha subito ben due attacchi. Il primo in estate, che ha causato disservizi al servizio clienti e un secondo, in autunno, portato avanti da un gruppo di criminal hacker conosciuto come NetWalker, che è riuscito ad appropriarsi di 5 TB di dati della compagnia.

A inizio novembre anche Capcom, la famosa casa di produzione del gioco Resident Evil, è stata danneggiata da un ransomware che ha sottratto all’azienda informazioni personali di circa 350.000 persone tra Giappone e Nord America.

Questi sono solo pochi esempi di come agiscono i cosiddetti criminal hacker e che dimostrano che è fondamentale lavorare sulla cybersecurity.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il commento del Sottosegretario alla Difesa, Stefania Pucciarelli, in occasione della Giornata Mondiale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa