Industria della moda in ginocchio: le conseguenze del Coronavirus sul comparto

In merito alla decisione del governo che prevede la chiusura di tutte le attività commerciali al dettaglio fino al 14 aprile, è intervenuto il presidente di Confindustria Moda, Claudio Marenzi, con una lettera indirizzata agli affittuari dei negozi di aziende tessili.

Lunedì, 06 Aprile 2020 19:27

La richiesta vorrebbe la sospensione temporanea dei canoni di locazione, una mossa a favore dei venditori in difficoltà. Ad acuire il timore delle aziende operanti nel settore, si aggiunge la possibilità che la chiusura delle attività subisca un’ulteriore proroga a causa del persistente dilagare del Coronavirus nel nostro paese. A firmare la lettera sono state più di 50 aziende tessili, tra cui troviamo anche grandi firme come Trussardi, Valentino e Roberto Cavalli.

Come se la passano le imprese della moda in Italia

Il propagarsi del virus sta portando non poche conseguenze sull’economia italiana. Infatti, per il solo settore della moda sono previste perdite pari al 50% degli incassi nel corso del 2020. Le passerelle che erano ormai pronte da mesi sono state tutte rimandate a settembre e le serrande dei negozi continuano a restare chiuse ormai da fine febbraio. Confindustria Moda sta facendo di tutto per difendere gli interessi delle 66mila imprese che si trova a rappresentare, le quali fatturano annualmente 95,5 miliardi di euro e che danno un posto di lavoro a più di 580 mila persone. Reagire di fronte a questa situazione non è semplice ma diventa prioritario. Tra i settori su cui investire di più c’è sicuramente quello digitale che può, non solo offrire nuove opportunità di vendita, ma anche innovare prodotti e processi. Non a caso sono sempre di più le realtà che hanno puntato su questo canale già da diverso tempo. Basta pensare al network di YOOX, detentore di un portale e-commerce, dove si possono ad esempio acquistare borse online firmate, insieme a molti altri accessori e articoli di abbigliamento a prezzi spesso molto convenienti.

Dall’altro lato della medaglia, malgrado il malcontento e l’economia in stallo, si vede un’Italia unita che vuole farcela. Infatti, molte aziende hanno modificato i loro prodotti e si sono dedicate alla sartoria, realizzando camici e mascherine da donare agli ospedali. Un gesto di solidarietà e vicinanza che non è passato inosservato.

Cosa succede a livello globale

A risentire delle ripercussioni del Covid-19 non sono solo le aziende di moda italiane, ma tutte le attività a livello globale. Si tratta infatti di una crisi che vede coinvolti praticamente tutti i paesi del mondo, comprese quelle zone già segnate da povertà e indigenza. Le aziende del settore nel corso degli ultimi decenni, hanno avviato processi di delocalizzazione della produzione, aprendo fabbriche di abbigliamento in molti paesi dell’Asia, dove la manodopera e i costi sono nettamente inferiori. Oggi, i dipendenti di queste fabbriche si vedono costretti a dover lavorare nonostante la pandemia, rischiando il contagio pur di potersi assicurare uno stipendio. Il problema principale però sorge quando la linea di produzione, che viene commissionata alle fabbriche di questi paesi, non viene pagata. Di conseguenza, i proprietari delle fabbriche si trovano davanti alla bancarotta ed impossibilitati a pagare lo stipendio dei loro dipendenti. In alcuni Paesi il governo, insieme ai datori di lavoro, è tenuto a pagare almeno una parte di salario ai dipendenti, ma spesso ciò non avviene. Purtroppo in paesi come il Bangladesh, ad esempio, sono stati ritirati ordini che equivalgono a 2,6 miliardi di euro, provocando il licenziamento o la cassa integrazione non retribuita di oltre un milione di persone impiegate nel settore dell’abbigliamento. Dati sconcertanti che stanno segnando l’economia mondiale e che purtroppo continueranno ad incidere profondamente anche nei prossimi mesi.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Quest'anno sarà in versione streaming, si svolgerà a Levanto dal 29 al 31 Maggio Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Miracolosamente illeso, fatto salvo alcune escoriazioni. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa