Decreto Crescita: prosegue la raccolta firme di Cna per l'abrogazione dell'articolo 10 In evidenza

Piccole imprese vaso di coccio tra i due vasi di ferro: se non possono fare lo sconto ai clienti, la minaccia è di rivolgersi altrove.

Martedì, 06 Agosto 2019 11:54

E poi ci sono i fornitori che già nel preventivo mettono in chiaro che non accetteranno alcuna cessione di crediti fiscali. Chi ne beneficia davvero? Multiutilities ed ex monopolisti del settore dell'energia che hanno altissimi crediti di imposta da compensare.

Nel mentre, ha già superato la soglia delle 5mila firme l'appello online a deputati e senatori sulla piattaforma change.org lanciato dalla Cna per ottenere dal Parlamento l'abrogazione dell'art.10 del Decreto crescita. In pochi giorni l'iniziativa ha raccolto un numero di adesioni ben superiore alle aspettative a conferma della diffusa sensibilità su una norma penalizzante per artigiani e piccole imprese e sulla quale Cna è in prima linea nel sollecitarne la cancellazione.

"Bisogna contare sino a 10" è il titolo dell'appello che ripercorre la "storia" del provvedimento, evidenziando le incongruenze ed i gravi effetti che sta già avendo sull'intero settore della riqualificazione energetica.

La petizione inoltre ricorda i ricorsi all'Antitrust ed alla Commissione europea che 64 imprese associate alla Cna hanno presentato e sottolinea infine come questo provvedimento abbia relegato le piccole imprese del settore ad essere il vaso di coccio tra i due vasi di ferro costituiti dai clienti, che pretendono lo sconto minacciando di rivolgersi ad altri qualora non dovessero ottenerlo, e dai fornitori che, addirittura in sede di preventivo, specificano che non accetteranno alcuna cessione di crediti fiscali.

Il tutto, a vantaggio di chi ha rilevanti crediti di imposta da compensare: multiutilities e gli ex monopolisti del settore dell'energia che sembrano essere gli unici beneficiari reali di quanto disposto dall'art.10.
L'appello si conclude con una esplicita richiesta ai parlamentari affinché si attivino per abrogare un provvedimento che non porterà alcun tipo di crescita, ma che consegnerà un intero settore, o quel che ne resterà, nelle mani di pochi grandi operatori economici.

"Chiediamo agli imprenditori del settore di far sentire la loro voce – commenta il presidente di Cna Installazione Impianti La Spezia Davide Mazzola – e di firmare la petizione online per dare più forza alla nostra azione di contrasto ai nefasti effetti dell'articolo 10. Non si tratta di introdurre piccole e marginali modifiche ad una norma dannosa per l'intero settore della riqualificazione energetica, ma di abrogarla tout court perché illegittima in quanto viola il diritto comunitario e nazionale della concorrenza".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CNA

Confederazione Nazionale Artigianato
Via Padre Giuliani, 6
19125 La Spezia

Tel. 0187598080
Twitter @laspezia@cna.it

 

www.sp.cna.it/

Ultimi da CNA

Cna La Spezia si unisce al dolore della famiglia Tiberi per la morte di Giuliano fondatore dell’impresa Tiberisound. Leggi tutto
CNA
Figoli: "Ottima opportunità per aggiornarsi e avere più clienti". Leggi tutto
CNA

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa