Coldiretti, dazi: l'export agroalimentare penalizzato da 5 anni di embargo russo In evidenza

Interessante l'asse commerciale Liguria – Russia, ma serve riaprire il dialogo per valorizzare le eccellenze locali.

Martedì, 06 Agosto 2019 16:05

Le esportazioni regionali cercano di affermarsi sul panorama euroasiatico, ma come per tutto l' agroalimentare Made in Italy, dove si è perso a livello nazionale oltre un miliardo di euro negli ultimi cinque anni, le produzioni risentono delle sanzioni e dei blocchi alle spedizioni in vigore in Russia, blocchi che hanno colpito un'importante lista di prodotti agroalimentari con il divieto all'ingresso di frutta e verdura, formaggi, carne e salumi, ma anche pesce, provenienti da Ue, Usa, Canada, Norvegia ed Australia.

E' quanto emerge da un'analisi della Coldiretti divulgata in occasione dell'anniversario dell'embargo deciso 5 anni fa dal presidente Vladimir Putin con decreto n. 778 del 7 agosto 2014 e più volte rinnovato come ritorsione alla decisione dell'Unione Europea di applicare sanzioni alla Russia per la guerra in Ucraina.

L'agroalimentare italiano è l'unico settore colpito direttamente dall'embargo, che ha portato all'azzeramento delle esportazioni dei prodotti presenti nella lista nera, perdite alle quali si sommano quelle dovute al danno d'immagine e di mercato provocato dalla diffusione di prodotti di imitazione che non hanno nulla a che fare con i prodotti italiani.

"La Russia è un mercato al quale si è sempre guardato con interesse – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il delegato Confederale Bruno Rivarossa - e la Liguria potrebbe esercitare un ruolo da protagonista anche per quanto riguarda l'agroalimentare, se solo venissero eliminate le limitazioni in vigore. I legami liguri con la Russia non riguardano tuttavia solo il commercio, essendo che la riviera di ponente è stata, fin dall'800, meta di artisti e personaggi di spicco sovietici, con la città di Sanremo, che diventò la 'capitale' della comunità russa in riviera. È importante quindi non perdere quel ponte culturale, economico e turistico che può, anche oggi, rappresentare una risorsa e un vanto importante per la nostra regione.

Il settore agroalimentare italiano – continuano Boeri e Rivarossa - è stato merce di scambio nelle trattative internazionali senza alcuna considerazione del pesante impatto che ciò comporta sul piano economico, occupazionale e ambientale dei nostri territori: si tratta di un costo insostenibile per l'Italia e l'Unione Europea, ed è importante che si riprenda la via del dialogo. Ad oggi un pericolo simile che andrebbe a colpire ulteriormente le imprese, riguarda anche l'export oltre oceano con la minaccia dei dazi che colpirebbero una lunga lista di esportazioni Made in Italy in USA, soprattutto vino e cibo".

"I prodotti dei nostri territori, dal vino all'olio, dal pesce al basilico, dagli ortaggi ai trasformati, sono eccellenze che devono essere valorizzate e fatte conoscere in giro per il mondo e non risentire di "guerre" che ne limitano la commercializzazione."

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Coldiretti

Via XXIV Maggio,
19124 La Spezia

Tel. 0187 736041

www.laspezia.coldiretti.it/

Ultimi da Coldiretti

La crescita è sostenuta anche dalle eccellenze territoriali Made in Liguria, in vista delle prossime festività natalizie Leggi tutto
Coldiretti
L’analisi di Coldiretti sull’annata. Leggi tutto
Coldiretti

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa