All'origine della Resistenza al femminile c'era la voglia di prendere in mano le proprie vite In evidenza

“Sebben che siamo donne” di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello presentato a Genova.

Giovedì, 09 Maggio 2019 18:58

Il libro di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV Zona Operativa, tra La Spezia e Lunigiana” ha suscitato interesse e partecipazione anche a Genova, dove è stato presentato al Circolo Arci Zenzero.

Nella Genova dove operò una SAP cittadina tutta femminile, intitolata ad Alice Noli, ed in cui una via della Val Bisagno è dedicata alle donne della Resistenza, Massimo Bisca, Presidente provinciale dell’Anpi di Genova, e Arianna Cesarone, Presidente della Sezione Anpi di San Fruttuoso, hanno ricordato la Resistenza al femminile, per molti anni taciuta tra timori e ritrosie delle donne e negazione del loro ruolo da parte della storiografia maschile. Eppure -hanno aggiunto- senza le donne, non solo le staffette e le partigiane in armi, ma anche le contadine sostenitrici e curatrici dei partigiani in montagna, la Resistenza non ce l’avrebbe mai potuta fare.
Giorgio Pagano ha letto brani di donne partigiane e resistenti protagoniste del libro, legate in particolare alla realtà di Genova, come la genovese Carmen Bisighin, partigiana di Giustizia e Libertà che, nominata Vicecommissario politico, fu degradata a magazziniere perché donna. Ma ci furono anche casi diversi, in cui la donna fu accettata nell’esercito partigiano nel nome dell’eguaglianza che prefigurava la desiderata società futura. Pagano si è soffermato anche sul ruolo delle donne contadine dell’Alta Val di Vara, sostenitrici e curatrici della Brigata Coduri, operante nella Zona operativa genovese. Molte di loro furono decisive nel far disertare una parte degli alpini della Divisione Monterosa in stanza a Riva Trigoso, che diventarono alleati dei partigiani.

Infine la risposta alla domanda: “Perché lo fecero?”. Furono mosse, ha detto Pagano citando Carmen Bisighin, da “un antifascismo istintuale” e dalla voglia di libertà, di prendere in mano la sorte delle proprie vite: “Ero una persona libera, e dunque antifascista”. E’ questa, ha concluso, la lezione perenne delle donne della Resistenza.

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
Ass. Culturale Mediterraneo

Corso Cavour, 221
19122 La Spezia

Tel. 345 6124287
Fax. 0187 732765

associazioneculturalemediterraneo.com/sp/

Ultimi da Ass. Culturale Mediterraneo

Evento organizzato dall'Associazione Mediterraneo. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo
A confronto su "Tra sovranismo e populismo. Il futuro della sinistra europea". Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa