Acqua micellare, funziona davvero? In evidenza

Da molti anni l’acqua micellare è un prodotto di bellezza che sempre più persone utilizzano per la pulizia del viso. Ma questa “acqua miracolosa” funziona per davvero?

Martedì, 16 Aprile 2019 09:03

 

Segreto di bellezza delle modelle sulle passerelle di mezzo mondo, l’acqua micellare è da molti anni uno dei migliori sistemi per pulire il viso e la pelle in maniera sicura. Grazie al mondo del cinema e delle passerelle, la sua propagazione è stata veloce e immediata.

Che cosa è esattamente l’acqua micellare?

L’acqua micellare prende il nome dalle micelle. Piccole molecole detergenti (che si formano grazie ai tensioattivi) che si trovano presenti all’interno della soluzione acquosa di cui è composta l’acqua micellare. I tensioattivi che formano queste micelle in parte sono attratti dall’acqua, in parte sono attratti dagli oli. Proprio questa loro caratteristica, li rende ideale per essere utilizzati per la pulizia del viso e della pelle in generale.

Gli oli che compongono la base dei trucchi, così come le impurità che sono presenti sulla pelle delle persone, sono attirate e intrappolate all’interno di queste micelle.

La nascita di questa soluzione, è dovuta al fatto che pulirsi la faccia con solo acqua può essere un problema per chi ha la pelle sensibili. Il calcare e le atre sostanze presenti nell’acqua, con il passare del tempo possono portare la pelle a rovinarsi e quindi a diventare meno bella. Con il passare del tempo, la pelle si può rovinare e quindi perdere la sua efficacia di barriera. Se questo accade, il corpo risponde con una serie di infiammazioni, acne, eczemi e dermatiti.

L’invenzione dell’acqua micellare è stata sicuramente una grande cosa, che ha permesso anche a chi ha la pelle molto sensibile di avere a disposizione un detergente “naturale” che non rovina la pelle.

La scelta dell’acqua micellare

L’acqua micellare è un detergente che permette di pulire la pelle e di averne la massima cura. Questo, solo se si sceglie di acquistare un prodotto di buona qualità e che realmente rispetta la pelle. Poiché spesso in commercio esistono dei prodotti di dubbia qualità, è bene diffidare di molte delle confezioni che portano stampata la parola acqua micellare.

In alcuni casi, in particolare quando si parla di acqua micellare economica, il prodotto presente nel flacone può risultare essere poco indicato per chi ha la pelle sensibile. Nella formula di alcuni composti troppo economici, sono presenti sostanze come alcol, profumazioni e conservanti aggressivi che hanno il solo scopo di allungare la durata di conservazione del prodotto.

L’acqua micellare è spesso commercializzata come perfetta per le pelli sensibili, propria per l’alta percentuale di acqua nella loro formula. Tuttavia, non tutte le confezioni di acqua micellare sono uguali. In commercio, esistono una serie di linee specificatamente studiate per pelli sensibili o grasse. È bene ricordare, che solo scegliendo quella più adatta al proprio viso si potrà avere la certezza di trattare nel migliore dei modi la propria pelle.

Come utilizzare l’acqua micellare?

Nella maggior parte dei casi, le persone non utilizzano l’acqua micellare nella maniera corretta. Il suo utilizzo è nato per la fase di pre-pulizia, ma in molti casi viene utilizzata per l’intera fase di pulizia del viso.

Così come può succedere per le salviette struccanti, l’acqua micellare può lasciare come una patina sulla pelle. Cosa, che non permette di far traspirare la pelle nel migliore dei modi. Una volta che si è pulita la pelle con l’acqua micellare, è opportuno procedere a una pulizia con acqua e saponi neutri. Solo in questo modo si potrà avere la certezza di avere un viso pulito fino in profondità.

L’acqua micellare non deve essere vista come una soluzione completa per la pulizia del viso, ma come un aiuto per velocizzare l’operazione di pulizia. La salute verso la propria pelle, oltre ad essere un investimento monetario e di tempo, è un investimento sulla sua salute. Quindi, è opportuno utilizzare i migliori prodotti presenti in commercio e utilizzarli nel modo corretto.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"Conclusa la maxi operazione di pulizia dei fondali con un risultato da record magi raggiunto prima. Pescati dal mare oltre 75 metri cubi di inquinanti” Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Primo match ball per la Tarros

Sabato, 25 Maggio 2019 15:16 basket
La finale play-off si sposta a Genova per gara 3, che potrebbe essere decisiva. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa