"I beni confiscati devono diventare patrimonio della collettività" In evidenza

L'appello di Libera ed il plauso alle Forze dell'Ordine.

Giovedì, 08 Novembre 2018 17:39
L’operazione condotta dalla Compagnia Carabinieri di Sarzana, a cui va il nostro sostegno, dimostra ancora una volta il contesto di fragilità di alcuni settori dell’economia locale, su cui da tempo insistono interessi opachi che sottraggono risorse alla collettività. Il fatto che questa inchiesta vede coinvolti soggetti già colpiti da misure di prevenzione nella nostra provincia (in un’indagine condotta dalla Guardia di Finanza, che ha portato al sequestro di beni dal valore di 10 milioni di euro), conferma che il contrasto all’illegalità necessita di un lavoro costante, duraturo e rigoroso.

Accanto all’attività repressiva delle Forze dell’ordine, però, è necessario che ciascuno faccia la propria parte, anche per rendere quei beni confiscati nuovamente patrimonio della collettività, come lo è stato nel caso del Quarto Piano e di Ghigliolo Terre Libere, i due progetti di riutilizzo attivi a Sarzana.

Libera La Spezia

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

FoodAddiction in Store torna in Liguria con un evento dedicato a tutti i golosi in compagnia di Giulia Lafavia. Ingresso libero. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa