Carceri liguri, numeri da brividi. Anche alla Spezia botte, tentati suicidi e autolesionismo In evidenza

Numeri da brividi, quelli delle violenze nelle carceri ligui. Sono quelli che diffonde il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, il primo e più rappresentativo dei Baschi Azzurri, riferiti agli eventi critici accaduti nel primo semestre del 2013.

Lunedì, 14 Ottobre 2013 16:54

Spiega Roberto Martinelli, segretario generale aggiunto del SAPPE: "Da tempo denunciamo l'invivibilità delle carceri liguri per i poliziotti penitenziari, costretti a fronteggiare una violenza sistemica fatta da costanti episodi di criticità. Oggi diamo anche i numeri di queste violenze, perchè le istituzioni sorde ascoltino finalmente il grido d'allarme dei poliziotti e si decidano ad intervenire sulle problematiche liguri. Dal 1 gennaio al 30 giugno scorsi, nella nostra Regione ci sono stati 21 atti di autolesionismo nel carcere di Marassi, 14 a Sanremo, 11 a Spezia, 6 a Pontedecimo, 5 a Imperia, 4 a Chiavari e 2 a Savona. 12 i detenuti che hanno tentato di togliersi la vita, salvati in tempo dalle donne e dagli uomini della Polizia penitenziaria: 3 a Marassi e Pontedecimo, 2 a Sanremo e Spezia, 1 a Chiavari ed Imperia. Pesante anche il numero delle colluttazioni: ben 38 a Sanremo (sintomo di una pessima organizzazione del lavoro e di una altrettanta negativa gestione degli strumenti disciplinari verso i detenuti), 16 a Pontedecimo, 7 a Imperia, 4 a Savona e 2 a Spezia, Marassi e Chiavari".

 

Martinelli, che sottolinea anche come le manifestazioni di protesta di detenuti a vario titolo in Liguria hanno visto coinvolti complessivamente 1.003 detenuti - 746 nella rumorosa protesta della battitura delle inferriate e 257 nel rifiuto del vitto fornito dall'Amministrazione penitenziaria -, evidenziare che se il bilancio di queste violenze non si aggrava ulteriormente "è grazie alle donne e agli uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria in servizio nelle carceri liguriPoliziotti, è bene ricordarlo, i cui organici sono carenti di circa 7mila unità – 400 in meno solo in Liguria - e che mantengono l'ordine e la sicurezza negli oltre duecento Istituti penitenziari a costo di enormi sacrifici personali, mettendo a rischio la propria incolumità fisica, senza perdere il senso del dovere e dello Stato, lavorando ogni giorno, ogni ora, nel difficile contesto penitenziario con professionalità, senso del dovere, spirito di abnegazione e, soprattutto, umanità".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da SAPPE

Il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria con una nota inviata ai vertici del Ministero evidenzia problematiche e contraddizioni della situazione in cui opera. Leggi tutto
SAPPE
Sono convinto che il nuovo Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, anche in considerazione delle sue eccellenti conoscenze giuridiche, non farà venire meno la sua attenzione e, quindi, le sue sollecitazioni… Leggi tutto
SAPPE

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa