"Ci rifilano la gestione della rumenta, ma il nuovo ospedale?" In evidenza

L'intervento di Cittadinanzattiva e Tribunale per i diritti del malato.

Sabato, 27 Luglio 2019 14:24

"In questa calda estate, si profilano decisioni che avranno effetti (più o meno piacevoli) per gli spezzini. Come al solito queste decisioni sono prese durante periodi festivi, quando i cittadini sono in vacanza...

Il 1 agosto si insedierà la Commissione di Inchiesta Pubblica del (bio)digestore per il trattamento dei rifiuti a Saliceti. In questi giorni si è avuta notizia del deposito della domanda di concordato da parte della ditta Pessina, con il conseguente rischio del definitivo stop ai lavori per il nuovo ospedale.

Viene, come si usa, spontanea la domanda: ma nella nostra provincia è più facile effettuare opere pubbliche che creano disagi (biodigestore), rispetto a quelle che creano vantaggi (nuovo ospedale)?

Non sarà che qualcuno ha già fatto due “calcoli elettorali” ed ha deciso di realizzare nuovi ospedali a Genova e a Imperia (e a Spezia no), mentre ci “rifila” la gestione della “rumenta” di Parma e del Tigullio, senza che lì o nel genovesato si parli di nuovi impianti di trattamento rifiuti?

Tornando al nuovo ospedale del Felettino, la Regione sembra che si stia dando da fare, avendo convocato l’ASL, l’IRE e FILSE per apposita riunione.

Mentre IRE – in barba alla legge – elude l’obbligo di consegnarci i documenti, da noi richiesti oltre 30 giorni addietro, inerenti il cronoprogramma dei lavori, la perizia di variante sismica e mentre ancora affida a consulenti attività legali, di progettazione e di studio (ma non doveva essere un soggetto esperto, già in possesso di tali professionalità?) bruciando decine di migliaia di euro, Regione e ASL non si sono espressamente pronunciate su una questione di fondo che riguarda la procedura concordataria avviata dalla ditta Pessina.

Compatibilmente con le informazioni apprese solo a mezzo stampa, la normativa sul concordato prevede che il debitore ammesso alla procedura non possa sciogliere i contratti in corso con la pubblica amministrazione, a meno che il medesimo debitore - con apposita istanza al Tribunale - non ritenga che la prosecuzione non è coerente con le previsioni del piano di rientro dai debiti, né funzionale alla sua esecuzione. La Regione e l’ASL si potranno opporre a tale istanza. Lo faranno o meno? Hanno intenzione o meno di far presente anche al Tribunale che l’opera è finanziata, che ci sono soldi pubblici in ballo ed aspettative di una intera Provincia?

La politica spezzina ha intenzione o meno di attivarsi – senza liti di bottega – per avviare una commissione civica partecipata per fare trasparenza e verificare le procedure? Queste sono le domande... alle quali deve essere data risposta".

Cittadinanzattiva
Tribunale per i diritti del malato

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il gruppo di opposizione Rilanciamo Bolano replica all'assessore. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Autunno 2019: riparte SpeziaOutdoor

Martedì, 17 Settembre 2019 11:21 cultura-la-spezia
Con settembre si riparte con il calendario autunnale, questa volta integrato dalle visite guidate di AGTL, l’associazione delle guide turistiche della Liguria. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

1 commento

  • Link al commento Rita Casagrande Lunedì, 29 Luglio 2019 10:50 inviato da Rita Casagrande

    non posso certo più meravigliarmi di nulla si al biodigestore e no all'ospedale Eppure il progetto c'era,io l'ho visto ed era bello ma la nostra povera città è sempre stata figliastra per Genova e no n abbiamo diritto a nulla di positivo ma il negativo arriva puntualmente.Una città con le strade piene di buchi,i tombini sempre sporchi ed otturati ma si deve fare una inutile, oscena passerella che rischia di rovinare ancora di più i nostri giardini storici e finirà che anche gli alberi di via Diaz faranno la fine delle sophore della scalinata Cernaia o dei Pini di via San Francesco e chissà quanti altri ancora I nostri amministratori sono irresponsabili forse perchè sanno che se si ammalano non hanno problemi ad andarsi a curare in altro loco.Ma i poveracci dove possono andare?

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa