In Liguria previste quasi 26mila assunzioni entro febbraio In evidenza

Quali sono le figure professionali più ricercate?

Mercoledì, 19 Dicembre 2018 19:57

Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso sono aumentate le opportunità di lavoro. Questi i risultati del monitoraggio dei fabbisogni occupazionali delle imprese nel periodo dicembre-febbraio 2019, realizzato da Unioncamere italiana in collaborazione con Anpal.

Nonostante gli indicatori sull’economia ligure non diano ancora evidenti segnali di ripresa, i dati emersi dall’indagine evidenziano, da parte delle imprese, una propensione alla crescita occupazionale attraverso la ricerca di figure professionali che, nel corso degli anni, tende sempre più a privilegiare competenza, esperienza nei vari settori e disponibilità.

Su oltre un milione e 102mila assunzioni programmate dalle imprese a livello nazionale, in Liguria ne sono previste 25.700 (il 2,3% del totale), di cui a Genova 14.830 (in aumento del 4,4%), a Imperia 3.030 (+5,6%), a Savona 4.230 (+3,9%) e alla Spezia 3.610 (+12,1%). Rispetto allo stesso periodo di un anno fa, quando le opportunità di lavoro previste erano 24.370, si registra una crescita complessiva della domanda pari al 5,5%.

Dall’analisi dei dati si riscontra uno sviluppo più sostenuto della domanda a Imperia e La Spezia: nell’estremo ponente, sul totale delle imprese con dipendenti intervistate, il 19,2% prevede nuove assunzioni e nell’estremo levante la percentuale sale al 19,6%. Leggermente inferiore la propensione a nuove assunzioni in provincia di Genova e Savona, dove per entrambe il 18,5% ha programmato nuove entrate.

Nel trimestre in esame, il 78% delle assunzioni programmate sarà assorbito dai servizi, in particolare commercio, che ha registrato un aumento tendenziale della domanda pari al 40,8%, e turismo (+11,7%); rispetto alla classe dimensionale delle imprese, il 65% delle entrate riguarderà quelle con meno di 50 dipendenti.

Entrando nello specifico delle principali figure professionali richieste dalle imprese liguri, al primo posto figurano cuochi e camerieri con 3.850 assunzioni previste (15,0% sul totale), di cui quasi la metà in provincia di Genova; seguono i commessi e il personale qualificato in esercizi commerciali (2.540 unità), i conduttori di mezzi di trasporto (1.290) e gli addetti non qualificati nei servizi di pulizia (1.080).

Per concludere qualche approfondimento sulle opportunità di lavoro nel mese di dicembre.
- Le imprese liguri che prevedono assunzioni saranno pari all’11% del totale (nello stesso periodo del 2017 era il 12%);
- invariata la richiesta di personale laureato, pari all’11%;
- cresce la quota di profili high skill (dirigenti, specialisti e tecnici), dal 13% al 18%;
- diminuisce leggermente la richiesta di giovani con meno di 30 anni (dal 37% al 32%);
- nessun cambiamento per quanto riguarda le tipologie di contratto offerte: nel 28% dei casi saranno a tempo indeterminato e per il restante 72% a termine;
- aumenta la difficoltà da parte delle imprese di reperire le figure ricercate, dal 21% al 32%.

A cura di Giovanna Pizzi
Servizio Statistica e Studi Unioncamere Liguria

Download allegati:
Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Unioncamere Liguria

"Tengono" giovani, donne e stranieri, anche se la crescita rallenta. Leggi tutto
Unioncamere Liguria
Il saldo resta positivo. Nel capoluogo del levante 212 imprese in più. Leggi tutto
Unioncamere Liguria

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa