I sindacati: "Alle attività nel retroporto si applichino le solite regole contrattuali del porto" In evidenza

Per favorire sicurezza e investimenti in innovazione.

Mercoledì, 18 Dicembre 2019 10:20

 

“L'apertura del nuovo centro unico dei servizi doganali è sicuramente una buona notizia che conferma il nostro porto come una punta avanzata per l'innovazione in ambito nazionale”, lo affermano Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti.

I sindacati continuano: “Occorre estendere alle attività svolte nel retroporto le solite regole contrattuali che si applicano al lavoro portuale. La storia recente ci ha dimostrato che laddove il mercato del lavoro è strettamente regolato la competizione tra imprese avviene attraverso l'innovazione dei processi produttivi. Dove si verifica il contrario, dove si punta sul laissez faire, le condizioni di sicurezza ed i salari crollano verticalmente, e con loro crolla la propensione delle aziende ad investire in innovazione, formazione e ricerca.”

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CGIL

Via Bologna, 9

Tel.: +39 0187547111
Fax: +39 0187516799

www.cgillaspezia.it/

Ultimi da CGIL

I Sindacati scrivono al Prefetto in occasione della mobilitazione nazionale del personale delle Agenzie Fiscali del 6 Febbraio. Leggi tutto
CGIL
Carassale della Fillea Cgil: "Siamo a fianco dei lavoratori". Leggi tutto
CGIL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa