Carro, interrogazione della minoranza su Cosap e recupero dei tributi non pagati In evidenza

I Consiglieri Isolabella, Firenze e Mainardi chiedono chiarimenti al primo cittadino.

Venerdì, 10 Agosto 2018 10:09

 

La minoranza chiede al sindaco delucidazioni in merito al Canone di occupazione del suolo pubblico e sul recupero dei tributi non pagati, lodando il lavoro svolto, ma affermando che gli accertamenti sarebbero dovuti partire dalle grandi aziende.

 

Questo il testo dell'Interrogazione
I sottoscritti Alessandro Mainardi, Carlo Firenze, Loriano Isolabella, consiglieri del gruppo di minoranza del Comune di Carro, a seguito delle dichiarazioni fatte dal Sindaco nei giorni scorsi sulla stampa locale richiedono alla S.V. di dare dettagliate spiegazioni su quanto segue:

Confermare che il Comune di Carro non ha attualmente un regolamento per l’applicazione della Cosap (canone di occupazione del suolo pubblico) e che intende predisporlo per il 2019;

Confermare che in precedenza esisteva un regolamento per l’applicazione del canone Tosap (tassa di occupazione delle aree pubbliche) e conoscere nella sua fase di applicazione quali introiti ha procurato all’amministrazione per gli anni 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, ed in particolare quanto è stato iscritto ed accertato a ruolo per gli spazi di aree demaniali occupati da imprese economiche la cui sede legale rimane al di fuori del Comune di Carro come le più importanti (Tirreno Power, Acam, Enel ed altre);

Si prende inoltre atto dell’ottimo lavoro, da breve intrapreso, dal funzionario esperto in materia dei tributi e del bilancio nella fase di recupero coattivo dei tributi non pagati dal contribuente, tuttavia si avrebbe preferito che il Sindaco e la Giunta avesse dato priorità al recupero ed accertamento del dovuto da parte delle società di levatura nazionale sopra menzionate, che occupano il territorio portando finora scarsi benefici alla comunità locale, prima di dare una severa attenzione agli abitanti insolventi come dichiara il Sindaco (nella intervista)” .....Trasmessi gli insoluti del servizio acquedotto” del Comune di Carro.

La possibilità di poter disporre con tempestività di maggiori risorse, che si ritiene in parte non ancora accertate o contabilizzate, risulta una priorità per il Comune in quanto queste potrebbero venire destinate per i bisogni prioritari della popolazione.
Una tempestiva e sollecita azione dell’Amministrazione, verificabile dai dati richiesti nella interrogazione, la cui conoscenza si auspica nei tempi di legge, potranno servire ad integrare le risorse nel bilancio dell’esercizio finanziario in corso, diversamente la comunità locale si troverà costretta a rinunciare a dovuti introiti da parte di soggetti economici dotati di sufficienti risorse e quindi in grado di adempiere ai propri obblighi verso il Comune.


Loriano Isolabella, Alessandro Mainardi, Carlo Firenze
Consiglieri comunali di Carro

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Si sono svolti questa mattina, a Genova, i funerali di Stato per 16 vittime rimaste uccise dal crollo del viadotto Morandi. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa