Associazione Mediterraneo, il cartellone inverno-primavera. Si parte parlando dei beni culturali di Lerici In evidenza

Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Culturale Mediterraneo ha discusso le linee del programma invernale e primaverile dell'Associazione, sulla base delle indicazioni dei suoi cinque gruppi di lavoro. 

Venerdì, 09 Gennaio 2015 11:06
A gennaio si consoliderà la collaborazione con la Società Marittima di Mutuo Soccorso di Lerici, già iniziata quest'estate. L'obbiettivo è far diventare Mediterraneo, anche a Lerici, un punto di riferimento del dibattito culturale e del confronto delle idee, insieme alla Marittima e ad altre associazioni interessate. Si inizierà con due incontri di approfondimento su tematiche molto sentite nel lericino: i beni culturali e il turismo.

Venerdì 16 gennaio alle ore 17 (sala consiliare del Comune di Lerici) si terrà l'incontro sul tema "I beni culturali a Lerici: problema o risorsa?", con introduzione di Bernardo Ratti, relazioni di Marco Greco, Claro Di Fabio e Piero Donati e conclusioni di Giorgio Pagano. Sabato 31 gennaio alle ore 15,30 (Sala consiliare del Comune di Lerici) si terrà l'incontro sul tema " Novità e prospettive per il turismo. Esperienze a confronto", con introduzione di Giorgio Pagano, relazioni di Ermanno Bonomi, Piero Leoni e Michele Pagani e conclusioni di Bernardi Ratti.

Sempre a gennaio, lunedì 26 alle ore 17 (Urban Center), per il ciclo "Economia, società, politica: anticorpi alla crisi", verrà presentato il libro "La sinistra di Bruno Trentin" di Iginio Ariemma, in collaborazione con la Cgil. Il libro è una biografia di Trentin, sindacalista della Cgil e dirigente del Pci, che mette in luce il carattere originale e innovativo del suo pensiero: la sua ricerca permanente non dogmatica e non ideologica della realtà, a partire dal capitalismo e dal fordismo; la sua visione eretica della democrazia e del socialismo, non statale e critico verso il modello sovietico fin dal 1956, una democrazia e un socialismo come processo, come rivoluzione dal basso, a partire dai luoghi produttivi; la sua concezione della politica con al centro il lavoro come libertà e autorealizzazione della persona umana.

Ricco anche il programma dei mesi da febbraio ad aprile. Per il ciclo "Religioni e politica" verrà presentato il libro di Vannino Chiti "Tra terra e cielo. Credenti e non credenti nella società globale": una riflessione che, prendendo le mosse dalla straordinaria novità di Papa Francesco, traccia un quadro degli sconvolgimenti in corso nel mondo islamico, individua gli scenari con cui le sinistre europee sono chiamate a misurarsi e costituisce un energico richiamo al valore del dialogo e della collaborazione tra credenti e non credenti.

Per il ciclo "Crisi climatica e nuove politiche energetiche", focus sul tema del negoziato mondiale sul clima, in vista della conferenza di Parigi di fine anno, e sulle novità nel mercato energetico (diminuzione del prezzo del petrolio, crescita sia dello shale gas sia delle energie rinnovabili), viste nella loro connessione con i cambiamenti geopolitici nel mondo.

Il ciclo "Quale scuola per l'Italia" vedrà come tema prioritario l'approfondimento degli esiti della consultazione del Governo Renzi su "La Buona Scuola".

Per il ciclo "Ripensare il Mediterraneo un compito dell'Europa" verrà presentato il libro "Istanbul" di Franco Cardini, un libro in cui lo storico ci accompagna in questa città, prezioso anello di congiunzione tra il Levante e l'Occidente, aiutandoci a penetrare lo spirito della sua cultura.

Per il ciclo "Economia, società, politica: anticorpi alla crisi", infine, verrà presentato il libro "Generazioni. Età della vita, età delle cose" di Remo Bodei, in collaborazione con la Consulta Studentesca Provinciale (iniziativa già prevista nello scorso autunno e rinviata per indisposizione dell'autore). Il libro si interroga sui legami sociali e la fiducia tra le generazioni: si potrà introdurre tra loro un nuovo, più equo e lungimirante patto? Quali saranno le modalità di restituzione di risorse materiali e immateriali -cose, sicurezza, affetti, autonomia- alle giovani generazioni?

Per informazioni sulle attività dell'Associazione visitare il sito: per ognuna delle oltre 150 iniziative organizzate dal 2008 a oggi sono disponibili la rassegna stampa, la galleria fotografica e la documentazione consegnata.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
Ass. Culturale Mediterraneo

Corso Cavour, 221
19122 La Spezia

Tel. 345 6124287
Fax. 0187 732765

associazioneculturalemediterraneo.com/sp/

Ultimi da Ass. Culturale Mediterraneo

Rinviate a causa dell'ordinanza regionale sull'emergenza epidemiologica. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo
Martedì 25 febbraio alla biblioteca Beghi per il ciclo "Religioni e politica". Organizza l'Associazione Culturale Mediterraneo. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa