Rifondazione: "A 30 anni da morte Berlinguer costruiamo opposizione contro sfruttatori del popolo"

"Trent'anni fa moriva Enrico Berlinguer. Il suo ricordo è ancora vivo se Renzi e Grillo – che con i comunisti non c'entrano niente – hanno fatto la gara, nel corso dell'ultima campagna elettorale, a chi – a parole, ovviamente – era più berlingueriano dell'altro". Così la federazione provinciale di Rifondazione Comunista.

Mercoledì, 11 Giugno 2014 09:26
"Berlinguer ha denunciato per primo - prosegue la nota - l'emergenza della questione morale nel nostro Paese. Con quell'espressione il segretario del Pci intendeva indicare la deriva di un modello di sviluppo sbagliato e devastante, fondato sull'illegalità, sull'alleanza tra gli apparati dello Stato e la criminalità organizzata, sulla trasformazione dei partiti che stavano al governo in comitati di affari, su imprese e imprenditori che fanno profitti a suon di bilanci falsi e di sfruttamento dei lavoratori. Le ultime vicende dell'Expo a Milano e del Mose a Venezia dimostrano, una volta di più, l'attualità della riflessione di Berlinguer: le grandi opere – basate sul consumo del territorio e sulla distruzione dell'ambiente – rappresentano spesso una grande opportunità per pochi di arricchirsi depredando le casse pubbliche. Berlinguer andò davanti ai cancelli della Fiat di Torino – quando nel 1980 vennero annunciati 15.000 licenziamenti – per dire che il Pci stava e doveva stare dalla parte dei lavoratori anche e soprattutto quando le cose sembravano andare nel peggiore dei modi. Una grande lezione politica e morale che tanti hanno dimenticato: sia Renzi che Fassino, quando la Fiat ha scelto di non riconoscere il contratto nazionale di lavoro e di dichiarare di fatto "illegale" la presenza della Fiom – si sono schierati dalla parte di Marchionne senza se e senza ma. Ancora, vogliamo ricordare il Berlinguer che sostenne il referendum per difendere la scala mobile, ovvero l'adeguamento automatico dei salari al costo della vita. Anche in questo caso Berlinguer – malgrado tanti ne reclamino l'eredità – è rimasto inascoltato: è sufficiente pensare alle diverse leggi e provvedimenti – da ultimo il Jobs Act – che hanno peggiorato le condizioni dei lavoratori a suon di precarietà, cancellazione dei diritti e disoccupazione di massa. Noi pensiamo che il pensiero di Berlinguer sia indelebile e di grande attualità, perché ancora ci parla della necessità di costruire un'opposizione alle politiche che in questi anni hanno portato la disoccupazione e la povertà ai livelli più alti da quarant'anni a questa parte; della necessità di affermare con nettezza il permanere della questione morale e l'urgenza di un modello di sviluppo diverso; della necessità di costruire una sinistra coerente e radicata in grado di cambiare il paese".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito della Rifondazione Comunista-FdS

Lunedì porterà in Consiglio comunale una interpellanza sulla questione. Leggi tutto
Partito della Rifondazione Comunista-FdS
La Segretaria di Rifondazione Comunista chiede che si riuniscano tutti gli Enti che possono dare il proprio contributo per risolvere il problema. Leggi tutto
Partito della Rifondazione Comunista-FdS

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa