Scuolabus Lerici, Mov. 5 Stelle all'attacco

Fabio Vistori in qualità di cittadino di Lerici e anche come portavoce del Movimento di Lerici hapresentato al Comune di Lerici una lettera contenente un elenco di domande dove si chiede all'amministrazione comunale di fare piena luce riguardo la vicenda che ha visto protagonista a fine settembre una bimba di 3 anni e mezzo dimenticata 4 ore sopra lo scuolabus che doveva accompagnarla alla scuola dell'infanzia.

Lunedì, 07 Ottobre 2013 18:30

Si domanda in particolare al Comune di spiegare perché quest'anno contrariamente agli altri anni il servizio di Scuolabus sia stato gestito nelle procedure senza fare tesoro dell'esperienza dell'accumulata negli scorsi anni, cambiando completamente metodo con la nuova ditta che ha vinto l'appalto dal valore di oltre 1,2 milioni di euro per 7 anni di gestione.
Si chiede, dopo la segnalazione di un'altra mamma all'Ufficio Pubblico Istruzione, già 2 settimane prima che accadesse il grave episodio, la quale aveva messo in guardia dal rivedere le responsabilità di tutte le parti, quali provvedimenti avesse messo in campo il Comune per controllare l'operato degli autisti e di tutti gli anelli della catena (ditta di trasporti, autisti, accompagnatori, scuole).
Riguardo l'autista ora licenziato dalla ditta si chiede se è vero che già aveva avuto problemi anche con la ditta precedente che aveva in appalto il servizio e per questo motivo era stato licenziato e se è vero che la stessa amministrazione si era adoperata per farlo assumere su pressione pare anche dei sindacati che ora ne contestano la rimozione dell'incarico.
Sono numerosi i punti da chiarire in questa vicenda e sono stati elencati in una lunga lettera dove si chiede di verificare a fondo, visto il ripetersi di episodi di questo tipo, frutto di totale mancanza di coordinamento e controllo.
Già alcuni mesi il Comune di Lerici era stato oggetto di un caso altrettanto clamoroso che riguardava il Nido quando una bambina era stata portata d'urgenza, per accertamenti, all'ospedale, perché aveva messo in bocca un'esca per topi lasciata dall'impresa di derattizzazione. Si domanda se non sia il caso di valutare approfonditamente il comportamento dei capi-settore che gestiscono servizi così importanti e delicati per la vita della comunità.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Cinque Stelle

Resi inefficaci 5 provvedimenti portanti della normativa. Leggi tutto
Cinque Stelle
Dopo l'approvazione della doppia preferenza di genere, i pentastellati puntano all'abolizione del listino. Leggi tutto
Cinque Stelle

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa