Biodigestore a Saliceti, il Ministro dell'Ambiente verificherà il rispetto delle norme europee

E' l'unico aspetto sul quale può intervenire, trattandosi di una materia che compete alle regioni.

Venerdì, 18 Settembre 2020 14:14
Il Ministro Sergio Costa Il Ministro Sergio Costa Foto da FB Sergio Costa
Il ministero dell’ambiente verificherà la conformità della procedura di PAUR (Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale) avviata dalla Regione Liguria per il biodigestore di Saliceti con le norme in materia ambientale di derivazione della Comunità Europa e i possibili danni che possono derivare all’ambiente dalla loro inosservanza. L’impegno è stato assunto sia dal ministro dell’ambiente Sergio Costa (5 Stelle), sia dal viceministro Roberto Morassut (PD) dopo aver ascoltato a Genova e a Sarzana le istanze esposte da due delegazioni dei comitati No Biodigestore Saliceti, Sarzana, che botta! Acqua Bene Comune e Cittadinanzattiva.

I comitati, per voce di Carlo Ruocco a Genova e Fabrizia Giannini a Sarzana, hanno chiesto un intervento del ministero per il possibile danno ambientale che potrebbe derivare alla falda del fiume Magra, che alimenta i pozzi di Fornola, da eventuali sversamenti di inquinanti (soprattutto ammoniaca) dall’impianto da 90 mila tonnellate progettato da Recos (Iren) a Saliceti proprio nella zona dove corre la falda acquifera. Per la stessa Regione (ufficio urbanistico) quella zona deve restare agricola perché il terreno è liquefacibile.

Il ministero dell’ambiente può intervenire in una materia di competenza della Regione quando sono violate norme di derivazione europea. In questo caso è violata, secondo i comitati, la legislazione sulla VAS (Valutazione ambientale strategica).

Il progetto di biodigestore a Saliceti per i Comitati si configura come una “variante sostanziale” al Piano dei rifiuti approvato dalla Provincia nell’agosto 2018. Quel Piano aveva superato la VAS e prevedeva la costruzione di un biodigestore da 30.000 tonnellate a Boscalino di Arcola area segnata da impianti di rifiuti dismessi (vecchio inceneritore e discarica). Per legge e giurisprudenza le varianti sostanziali devono essere nuovamente sottoposte a VAS. L’ufficio ambiente della Regione si è sempre opposto, affermando che la VAS era già stata effettuata nel 2017. Ma il sito di Saliceti non era stato neppure preso in considerazione.

Le delegazioni dei comitati, di cui facevano parte anche Teresa Maio, Lanfranco Pambuffetti e Gabriele Moretti) hanno consegnato al ministro Costa, al viceministro Morassut e al senatore Mattia Crucioli, mebro 5 Stelle della Commissione ambiente del Senato, una memoria tecnica.


Comitato Sarzana, che botta!

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Comitato Sarzana, che Botta!

Via XX Settembre, 51
19038 Sarzana SP

Tel. 338 1585006

E-mail: sarzanachebotta@gmail.com

www.sarzanachebotta.org

Ultimi da Comitato Sarzana, che Botta!

I comitati contrari alla realizzazione del biodogestore chiedono fatti concreti, con particolare riferimento alla discussione all'interno del Comune di Vezzano, ma non solo. Leggi tutto
Comitato Sarzana, che Botta!
I Comitati contrari all'impianto sollecitano atti concreti da parte del sindaco Bertoni e della sua Giunta. Leggi tutto
Comitato Sarzana, che Botta!

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa