Bretella Ceparana - Santo Stefano, sui meriti è scontro tra Gagliardi e Paita

La deputata di Italia Viva: "Se Toti non avesse lavorato contro, ci sarebbe già". L'onorevole di Cambiamo!: "Paita impreparata".

Mercoledì, 09 Settembre 2020 09:04

 


“E’ importante che il ministero dei Trasporti apponga al più presto la firma che manca per dare avvio ai lavori di costruzione del Ponte tra Ceparana e Santo Stefano Magra”. Lo dichiara Raffaella Paita, deputata di Italia Viva.

“Si tratta – continua - di un’opera fondamentale per la Val di Vara e la Val di Magra perché permetterebbe non solo di decongestionare i tratti abitati interessati ma anche per rafforzare le infrastrutture di una parte importante del territorio insieme alla ricostruzione del ponte di Albiano dopo il crollo. Spiace ricordare che se Toti non avesse lavorato contro la comunità della Val di Vara e Santo Stefano, a questo punto la Bretella Ceparana / Santo Stefano ci sarebbe già. Bastava non perdere tempo prezioso e la struttura sarebbe già finita. Allo stesso tempo è giusto ricordare che il finanziamento che la renderà possibile è dovuto alla tenacia del governo Renzi, che ha rimediato al definanziamento di Toti”.

“Una volta ottenuta la firma dal ministero, grazie alle norme contenute nel Dl semplificazioni, che sono uno stralcio del Piano Shock di Italia Viva, i lavori e le procedure relative alle stazioni appaltanti potranno essere fortemente velocizzati. Ci sono insomma le condizioni per far presto e bene”, conclude il presidente della commissione trasporti della Camera dei deputati.

 
A Raffaella Paita replica l'onorevole di Cambiamo con Toti Manuela Gagliardi.

“Informiamo l’impreparata Paita che se parte il primo lotto del ponte tra Ceparana e Santo Stefano Magra è grazie alla giunta Toti che ha portato in fondo l’iter progettuale definitivo ottenendo le autorizzazioni, reperendo le risorse necessarie e assicurando un fondo di garanzia da tre milioni di euro a favore della Provincia, soggetto attuatore dell’intervento, come anticipazione di cassa sulle risorse disponibili per consentire di fare partire subito la gara per l’appalto integrato”, dichiara la deputata di Cambiamo! con Toti, Manuela Gagliardi.

“Ricordiamo anche che la giunta regionale precedente, che era di centrosinistra e di cui l’onorevole Paita era assessore alle Infrastrutture e alla Protezione civile, ha lasciato in eredità un progetto mai approvato - prosegue Gagliardi - mentre la giunta attuale guidata dal Presidente Toti ha approvato e validato il progetto, ha recuperato altri 7 milioni di euro, arrivando così a complessivi 15 milioni, per la realizzazione di quel ponte entro i prossimi cinque anni così come previsto dal cronoprogramma del Cipe e ha ottenuto anche ulteriori 400 mila per la redazione del progetto definitivo del secondo lotto. Purtroppo, per una scelta sbagliata del governo Renzi, leader del partito di cui la Paita fa parte, la Regione Liguria non è il soggetto attuatore dell’opera, lo è la Provincia della Spezia".

"Se l’onorevole Paita tiene davvero alla Liguria potrebbe suggerire al governo, di cui il suo partito fa parte, di delegare la Regione come commissario per l’intervento da inserire tra le opere emergenziali, consentendo così deroghe ai tempi biblici dei cantieri nel nostro Paese, accelerando il cronoprogramma approvato dal ministero e adoperandosi per trovare le risorse necessarie per il secondo lotto, pari a circa 10 milioni di euro. Purtroppo temiamo che anche in questo caso, come sempre, i liguri in generale e gli spezzini in particolare supereranno questa difficoltà con il solo sostegno della Regione, senza alcun contributo concreto dal governo o dell’impreparata onorevole Paita”, conclude.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

I migliori metodi per informarsi sul trading online nel 2020 Ad oggi, registriamo sempre un più alto interesse da parte dei nostri lettori verso il trading online, e di conseguenza… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa