Isselnord ed emergenza Covid-19, Battistini: "Non possono essere i lavoratori a pagare" In evidenza

Il Consigliere regionale chiede ai vertici dell'azienda di confrontarsi con i sindacati.

Martedì, 05 Maggio 2020 21:50
In qualità di dipendente Isselnord temporaneamente prestato alla politica mi schiero a fianco dei miei colleghi. Senza se e senza ma. Le aziende hanno chiuso i loro uffici durante il lock-down non per volontà dei dipendenti ma per l'emergenza pandemica dovuta al COVID19. Non è assolutamente giusto, dunque, che i disagi occorsi alla produzione vengano fatti pagare, per intero, ai lavoratori.

Tra l'altro mi preme sottolineare che l'azienda, in queste settimane, non ha mai interrotto l'attività. La maggioranza dei suoi dipendenti ha continuato a lavorare in smart-working da casa.

Indecente, quindi, l'ingordigia dei manager di Isselnord che per uno stupido celodurismo aziendale stanno rifiutando ogni trattativa con i delegati sindacali. I lavoratori si sono mostrati, fin da subito, responsabili e disponibili nei confronti del loro datore di lavoro. La controllata di Fincantieri, invece, ha avanzato solo pretese al limite della vessazione. Ciò dal momento che vorrebbe inserire 8 ore di lavoro obbligatorie tutti i sabati senza neppure pagare gli straordinari e fino al pieno recupero delle "ore non lavorate" a causa del nuovo Coronavirus.

Indecente, sia chiaro! Io consiglio ai vertici aziendali con i quali fino a pochi anni fa ho condiviso la scrivania di ricordarsi l'epoca in cui erano dei semplici impiegati e di tornare, quindi, a più miti consigli. Ascoltate le proposte di buon senso dei delegati sindacali per suddividere il peso di una situazione globale che non può essere tutta a carico dei lavoratori.

Aprite al dialogo, evitate lo sciopero e istituite una nuova stagione con un clima di solidarietà e collaborazione. Isselnord è da troppo tempo refrattaria ad ascoltare i suoi dipendenti. Così non si può più proseguire.


Francesco Battistini
Consigliere regionale Italia in comune/Linea Condivisa

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

In Liguria in totale soltanto 3 pazienti si trovano in terapia intensiva. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
L'intervento del coordinatore provinciale dei Cobas Luca Simoni. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa