Coronavirus, Pastorino e Battistini (Linea Condivisa): "Sia applicato anche in Liguria il Modello Piacenza" In evidenza

"Cure domiciliari, diagnosi precoci e monitoraggio: il sistema abbatte le ospedalizzazioni e il ricorso alla terapia intensiva. È conferma che serve una sanità territoriale"

Lunedì, 30 Marzo 2020 12:34

La Liguria avvii la sperimentazione del "Modello Piacenza", protocollo basato su visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto che in Emilia si sta dimostrando particolarmente efficace nel pronto accertamento del contagio da Covid-19 e nella successiva gestione del malato. L'assessore Viale e il Commissario Locatelli si confrontino con i medici liguri che in questi giorni hanno studiato il metodo e la sua applicazione. Sono le richieste dei consiglieri regionali di Linea Condivisa Gianni Pastorino e Francesco Battistini. «Finora la giunta ha puntato sulla spettacolarizzazione a scapito della programmazione: tende piazzate davanti agli ospedali, mascherine consegnate in piazza; ma poi strutture assegnate all'emergenza Covid che restano vuote, per ragioni ancora tutte da spiegare. Ora è il momento di scelte sistematiche –dichiara il capogruppo Pastorino -.In Liguria il tasso di mortalità da coronavirus è molto alto: 12,25% (377 deceduti a fronte di 3076 contagiati), secondo soltanto a quello della Lombardia (15,5%). Non è spiegabile solo per l'alta incidenza degli anziani nella nostra età media. È un problema di scelte: perché, ad esempio, la Liguria è una fra le regioni in cui si sono effettati meno tamponi?».

«Nella lotta al coronavirus dobbiamo scongiurare quanto più possibile l'ospedalizzazione e il ricorso alla terapia intensiva. Non esistono ricette miracolose, ma metodi che danno risultati: il "Modello Piacenza" si dimostra efficace sia per contenere l'epidemia, sia per incrementare la percentuale di guarigioni, diminuendo al contempo i ricoveri. Un sollievo per la popolazione, ma anche per gli ospedali che in Liguria sono sotto pressione da settimane. Va assolutamente riprodotto sul nostro territorio; e deve andare di pari passo con il potenziamento degli uffici igiene, anello che può saldare le cure domiciliari alla comprensione dell'andamento dell'epidemia – spiegano Pastorino e Battistini -. Parola chiave: "tempestività" dell'intervento. Occorre dunque istituire delle task force territoriali di medici e infermieri, equipaggiate con saturimetri e, soprattutto, con lo strumento più indispensabile, l'ecografo portatile.Gli operatori, opportunamente dotati di dpi, dovrebbero raggiungere rapidamente i pazienti presso le loro abitazioni e verificarne le condizioni di salute. Eseguita una semplice ecografia si potrà stabilire la sussistenza di una polmonite interstiziale. In questo caso sarà prescritta immediatamente la terapia farmacologica, con antivirali e idrossiclorochinina, senza dover attendere l'esito del tampone. Curarsi presso la propria abitazione, laddove possibile, è la soluzione più efficace contro il Covid-19».

«Alla popolazione è soltanto richiesto di contattare la propria ASL, non appena riscontra i sintomi tipici del coronavirus. A diagnosi avvenuta, il paziente dovrà attenersi alle prescrizioni e comunicare costantemente alla task force, "da remoto", i propri parametri. L'idea del "Modello Piacenza" è chiara: di solito, chi arriva in terapia intensiva ha alle spalle 10-15 giorni di febbre. Bisogna agire precocemente per prevenire la fase più pericolosa, durante la quale si sviluppa la difficoltà respiratoria – concludono Pastorino e Battistini -.Tutto ciò, però, richiede una sostanziale revisione delle scelte politiche. Viale e Locatelli dovranno finalmente accettare quello che noi chiediamo da settimane: rilancio della sanità pubblica, territoriale e domiciliata, a tutela dei cittadini e a vantaggio delle strutture ospedaliere che non reggono più l'urto del Covid-19».

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Secondo il Consigliere regionale Battistini, la decisione ha lo scopo di blandire i genovesi e portare voti per le elezioni d'autunno. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
A causa delle restrizioni ancora in atto per gli spostamenti. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa