"Chirurgia alla Spezia: personale all'osso" In evidenza

La denuncia di Francesco Battistini, che porterà la questione in Consiglio regionale.

Venerdì, 14 Febbraio 2020 21:07

Siamo alle solite. Un reparto ad elevata complessità, come la chirurgia del Sant'Andrea della Spezia, è in sofferenza per la pesante carenza di organico.

 

Sono 27 i posti letto, suddivisi tra chirurgia generale, chirurgia vascolare e chirurgia toracica e tiroidea. Il tasso di occupazione dei letti è pressoché del 100% e spesso i pazienti vengono inseriti, anche in virtù del fatto che qui si fanno interventi in condizioni di emergenza/urgenza, in appoggio in altri reparti, tant'è che ci sarebbe l'esigenza di ampliare la struttura.

In questo scenario gli infermieri che fino a poco tempo fa erano a disposizione della chirurgia erano 18. Da qualche settimana, a seguito di due malattie lunghe e di un trasferimento definitivo ad altra struttura, sono rimasti 15.

I turni erano suddivisi in questo modo: 3 turnisti il mattino, 3 il pomeriggio e 3 la notte. Già pochi così, oggi, con una disponibilità di organico ridotta e senza il benché minimo accenno a una qualsiasi integrazione, assistiamo a turni formati da solo 2 infermieri e con le reperibilità in netto affanno.

È giusto ricordare che: le specialità mediche comprese nel reparto sono 3, ben distinte; i pazienti hanno patologie complesse che spesso richiedono un'assistenza specifica e continuativa, basti pensare agli interventi sulle carotidi; ogni infermiere deve occuparsi, in media, di 8 malati e spesso senza OSS disponibili in corsia.

E questo è un ulteriore nodo da affrontare. Gli OSS in servizio presso la chirurgia sono pochi, del tutto insufficienti. La notte addirittura non è previsto alcun operatore sociosanitario mentre mattino e pomeriggio, su 27 letti, c'è solo 1 OSS in servizio per: pulire e cambiare i pazienti; rifare i letti; aiutare i malati che non riescono in autonomia a mangiare, pettinarsi o muoversi.

Insomma, la chirurgia della Spezia non può reggere a lungo in queste condizioni. Serve personale!

A tal proposito porteremo la questione in Consiglio regionale chiedendo che ci si attivi subito. Il guaio, purtroppo, è che situazioni simili le riscontriamo in molti reparti. Ciò a dimostrazione del fatto che sia necessario un piano assunzionale straordinario e soprattutto ingente.

Ora la priorità, alla quale chiediamo di dar seguito subito, è almeno quella di riportare a 18 l'organico effettivo degli infermieri, in modo che in corsia vi siano sempre 3 unità in servizio, e venga previsto lo svolgimento del turno notturno per gli OSS.


Francesco Battistini
Consigliere Regionale Italia in comune/Linea Condivisa

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"Le OSS con partita IVA reclutate direttamente dalla AL5 non vengono a contatto con pazienti Covid-19, mentre le quelle della Coopservice sì" Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
"La Commissaria Troiano non decide nulla e non comunica, la Direttrice sanitaria Banchero è sparita di scena" Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa