Messa a scuola, i giovani comunisti: "Immorale e anticostituzionale" In evidenza

L'intervento della Federazione giovanile comunista in merito alla polemica che ha coinvolto l'istituto Parentucelli-Arzelà di Sarzana.

Martedì, 24 Dicembre 2019 18:05

"Anche a Sarzana, come purtroppo accade spesso nel Paese, si è dimenticato che la scuola, essendo un'istituzione statale, dev'essere laica!

È inaccettabile che in una scuola pubblica come il Liceo T. Parentucelli sia stata realizzata e portata a termine una funzione religiosa natalizia in orario scolastico.

La questione ha dei precedenti legali: già nel '93 la sentenza 250/93 del Tar dell'Emilia Romagna (e numerose sentenze successive come la 489/95 del Tar del Veneto) palesano come i riti religiosi debbano essere considerati estranei alle attività culturali previste nel DPR 416/74 dell'84, decreto presidenziale che spesso in passato fu appiglio per simili pratiche.

Volendo invece spostare la questione sull'ambito morale noi, giovani studenti e studentesse della FGCI, riteniamo una simile pratica aberrante in quanto fortemente discriminante per tutti gli studenti, cattolici e non, in quanto da un lato pone gli studenti religiosi di fronte a una scelta tra la loro dimensione religiosa privata e il loro diritto pubblico all'istruzione, dall'altro pone lo studente ateo, agnostico o di altro credo a sentirsi escluso e discriminato nella sua minoranza (minoranza da rivalutare, tenendo conto del fatto che il numero di cittadini di fede cristiana cattolica viene contato sulla base dei battesimi attuati spesso a pochi mesi dalla nascita senza la benché minima consapevolezza).

Dunque, per rispondere a qualcuno, non si parla di tradizioni ma di leggi, non si parla di chiese ma di scuole pubbliche in cui ogni studente, qualunque sia la sua fede o la sua filosofia spirituale, ha il medesimo diritto ad apprendere e a sentirsi incluso.

Il seguire così ciecamente queste tradizioni meramente religiose in uno stato laico, e sottolineiamo laico, non solo è anacronistico ed immorale, ma risulta anche una perdita della sfera soggettiva indipendente della professione religiosa.

Sulla vicenda in oggetto rimaniamo perplessi circa l'atteggiamento del preside che, come massimo dirigente, non ha tenuto minimamente conto di certi aspetti e del giudizio dei rappresentanti d'istituto in merito.

La nostra critica, il nostro pensiero non si oppone al cattolicesimo o alle scelte di credo individuali bensì mette in luce le contraddizioni di una scuola laica per principi ma non per metodologie e applicazioni.

Come FGCI riteniamo che lo sfruttamento dei luoghi scolastici a fini religiosi, oltre ad essere immorale ed anticostituzionale, sia una chiara violazione riguardante le libertà individuali di ogni studente in merito ad una scuola pubblica che dovrebbe garantire dialogo e confronto tra idee discordanti senza imporre un pensiero unico e dominante, rispettando laicità e minoranze".

FEDERAZIONE GIOVANILE COMUNISTA ITALIANA
Federazione della Spezia
Sezione E.Berlinguer - Sarzana e Val di Magra

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il discorso del sindaco in occasione del Consiglio Comunale di ieri, 7 aprile. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Aumentano i controlli in vista del ponte di Pasqua, ma la Polizia registra un calo del 25% degli spostamenti ingiustificati. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa