"Enel: Italia Viva dice No, chiusura nel 2021" In evidenza

Michelucci, Tinfena e Pecunia: "Non è accettabile che la nostra provincia debba ancora subire per anni la presenza di una centrale a turbo gas".

Venerdì, 20 Dicembre 2019 14:22

"Siamo di fronte all’ennesima contraddizione del centro destra Ligure.

Italia Viva presenta un Ordine del Giorno in Regione e lo farà nei comuni di Spezia e Arcola, rivendicando l’accoglimento dell’ordine del giorno presentato dall’ On. Paita sulla centrale Eugenio Montale con la richiesta accolta dal Governo di chiudere la centrale nel 2021 e il centro destra lo boccia.

Spezia ha fatto parte di un grande progetto energetico nazionale, contribuendo al fabbisogno di energia e sacrificando interi quartieri alla presenza di una centrale termoelettrica, che si è poi ritrovata inglobata in un pezzo di città densamente popolata. Oggi abbiamo la necessità di rispondere alle esigenze di un territorio che ha già pagato tanto in termini di impatto ambientale.

Oggi, alla vigilia del 2020, mentre l’Europa ci chiede di convertire la produzione di energia con l’utilizzo di fonti rinnovabili, non è accettabile che la nostra provincia debba ancora subire per anni la presenza di una centrale a turbo gas.

Chiediamo per questo che ogni livello istituzionale della regione e dei comuni interessati dall’area di Vallegrande, si impegnino a far si che venga rispettato l’accoglimento del governo a quell ‘ordine del giorno che chiede un impegno preciso: le dismissioni della centrale Eugenio Montale nel 2021 sia dall’utilizzo del carbone, sia dalla eventuale trasformazione a turbo gas. La maggioranza di centro destra in Regione, ieri ha votato contro l’ordine del giorno presentato da Italia Viva che chiedeva un investimento economico, nelle pieghe del bilancio, per sostenere uno studio sulle eventuali prospettive di riqualificazione dei 73 ettari di Enel.

Ma la Lega con Viviani e la Gagliardi di Cambiamo, non avevano presentato un ordine del giorno per proporre la chiusura della centrale nel 2021?

Qui la mano destra non sa cosa fa la sinistra, nella migliore delle ipotesi; a pensarci bene invece stanno solo giocando a” poliziotto bravo e cattivo” e il vero intento di tutti è tentare di scaricare sul governo( solo oggi che è giallo rosso!), cosa che non hanno mai fatto nell’anno di governo della lega, la responsabilità del futuro delle aree Enel.

La verità è che anche qui è Toti a decidere.

Basta demagogia lo diciamo noi!

Toti si impegni a dire no alla centrale a turbo gas.

Noi per parte nostra ci batteremo in tutte le sedi perché l’ordine del giorno dell’On, Paita, accolto dal Senato, trovi conferma nelle vostre azioni istituzionali."

Juri Michelucci Capo gruppo Italia Viva consiglio regionale Liguria
Gianluca Tinfena Vice Sindaco Comune di Arcola Italia Viva
Federica Pecunia consigliere comunale Comune della Spezia Italia Viva.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Italia Viva

"In momenti di emergenza è giusto fare così". Leggi tutto
Italia Viva
"La Asl 5 tocca livelli di inefficienza che con tutta evidenza non hanno paragoni nella altre province". Leggi tutto
Italia Viva

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa