Caratozzolo chiude i conti con Guerri in una partecipata iniziativa all'Urban Center In evidenza

di Alessandro Biggi- Caratozzolo a 360 gradi sui problemi della città chiude i conti con Guerri in una partecipata iniziativa all’Urban Center

Sabato, 09 Novembre 2019 19:05

Sala gremita questo pomeriggio alla molto partecipata assemblea pubblica all’Urban Center dove il Consigliere Massimo Baldino Caratozzolo ha riunito i suoi sostenitori e non solo per fare il punto sull’azione in consiglio comunale e giungere finalmente a un redde rationem con l’ex compagno di strada Giulio Guerri. Il primo punto affrontato dall’attivo consigliere è il problema urgente delle oltre 180 operatrici e operatori socio sanitarie che rischiano di perdere il posto di lavoro. La soluzione proposta (forse l’unica possibile) appare quella della creazione di una societá in-house della regione che permetta di bypassare il concorso pubblico. Su questa linea il consigliere ha trovato il sostegno del consigliere regionale Francesco Battistini, (collegato telefonicamente) e di altri consiglieri comunali, in primis la battagliera consigliera dem Dina Nobili, il consigliere Luigi Liguori e altri, tutti peraltro presenti fra il nutrito pubblico e tutti disponibili a incontrare al più presto l’assessore regionale Sonia Viale col fine di trovare una soluzione.

Non poteva poi mancare qualche graffio sull’ospedale Felettino, sul quale le forti criticità di Baldino sono sempre andati di pari passo con la battaglia portata avanti dalla Nobili, a onor del vero unica voce dell’opposizione che in tempi non sospetti cercó di sollevare una discussione per mettere in campo soluzioni prima che fosse troppo tardi; non ultimo, proprio su questo tema, è giusto ricordare il tentativo proprio della stessa Nobili e purtroppo isolato, di convocare un consiglio comunale straordinario a Luglio, quando fra l’altro IRE non aveva ancora bocciato la variante, poi vergognosamente fatto slittare con la complicità di quella parte dell’opposizione “di Sua Maestà” che sembra sempre più giocare di sponda con la maggioranza.

Nel corso dell’assemblea si sono susseguiti poi interventi diversi, anche dialogici, con il mattatore dell’iniziativa, il Consigliere Baldino, fra i quali quello accorato di un rappresentante delle OSS che ha ringraziato il consigliere per l’attenzione e la vicinanza mostrate; nel corso dell’evento restano in primo piano l’azione in Consiglio Comunale e i temi di stretto interesse per la città , fra i quali in primis la questione riguardante la bonifica dell’area ENEL , la presenza delle navi da crociera, l’amianto, e tutto quanto riguarda la sostenibilità ambientale nella nostra città, senza dimenticare un tagliente riferimento a uno ”sport“ assai praticato da qualche cricca consolidata qui a Spezia, ovvero quello dei fallimenti pilotati, tema che peraltro non ha mai il coraggio di toccare nessuno; solo sullo sfondo resta quindi uno dei motivi della convocazione dell’assemblea pubblica convocata da Caratozzolo , ovvero la diatriba con Giulio Guerri sul capogruppo del gruppo “Per la Nostra Città”, preteso “indietro” dallo stesso Guerri che però, convocato da tempo alla suddetta assemblea per un confronto politico aperto e trasparente, ha preferito convocare una “sua assemblea” in contemporanea senza neanche rispondere all’invito ufficiale del suo attuale capogruppo Caratozzolo, un atteggiamento quantomeno politicamente poco responsabile anche agli occhi di chi osserva.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa