Rilancio delle Province, lo chiedono anche i sindaci dello spezzino In evidenza

L'attuale assetto normativo e finanziario è ritenuto insostenibile.

Lunedì, 15 Luglio 2019 19:30


L'Unione delle Province d’Italia ha promosso in questi giorni un’iniziativa su tutto il territorio nazionale per sensibilizzare e chiedere a Governo e Parlamento la revisione della legge Delrio del 2014, il ripristino dei trasferimenti statali commisurati alle competenze degli enti in materia di viabilità, edilizia scolastica e tutela ambientale e, infine, l’attuazione delle linee guida elaborate dalla Commissione Candiani istituita presso il Ministero dell’Interno e finalizzate a una rivisitazione organica della disciplina del Testo unico degli Enti Locali.

 

L’iniziativa in questione consiste nella formale presentazione al Governo e alle Camere di un Ordine del Giorno, uguale su tutto il territorio nazionale e sostenuto dai Sindaci dei Comuni italiani, nel quale sono affermate sia l’insostenibilità dell’attuale assetto normativo e finanziario cui sono sottoposte le Province sia l’urgenza di intervenire con nuove norme incisive e definitive che ripristinino l’operatività degli enti di area vasta e superino la stagione degli interventi spot che ha caratterizzato il biennio 2017/18.

Anche alla Spezia i Sindaci, tra i quali entrambi i candidati Presidente Pierluigi Peracchini e Alessandro Silvestri, hanno risposto a questo appello condividendo e sottoscrivendo il documento promosso da UPI: proprio oggi dalla segreteria della Presidenza della Provincia è partita la Pec indirizzata a Palazzo Chigi, Montecitorio e Senato contenente l’Ordine del giorno sostenuto e firmato dai Sindaci del nostro territorio.

“L’adesione dei Sindaci a sostegno del documento sulle sorti delle Province è un segnale politico molto positivo e indice di un atteggiamento maturo e responsabile dei nostri Amministratori locali che, invece di inseguire suggestioni demagogiche e dannose, hanno dimostrato alle Istituzioni nazionali quanto sia indispensabile per la qualità della vita dei nostri cittadini e delle comunità riconoscere dignità, strumenti e risorse alle nostre Province” dichiara il Vice Presidente reggente della Provincia della Spezia Andrea De Ranieri.

“Nessuno rimpiange le Province come erano prima della legge 56/2014, ma occorre rivisitare profondamente e che sia assicurata ai nostri enti quella capacità e autonomia operativa nelle competenze che le sono assegnate e che, da ormai cinque anni, l’azzeramento totale delle risorse non consente più di sostenere. Spero che Governo e Parlamento rompano gli indugi e a fronte del grande segnale arrivato dai Sindaci di tutta Italia con la sottoscrizione di questo Ordine del giorno, mettano mano alla normativa e ai trasferimenti delle risorse economiche indispensabili per i servizi che la Provincia deve erogare”, conclude De Ranieri.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Provincia della Spezia

Un duro messaggio che il presidente della Provincia della Spezia lancia al Governo, sottoscritto da molti sindaci. Leggi tutto
Provincia della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa