Confesercenti: "Troppi settori sono esclusi dal Decreto Ristori"

L'Associazione sottolinea che l'emergenza sanitaria sta colpendo economicamente molte aziende oltre a quelle su cui gravano i provvedimenti di restrizione.

Mercoledì, 11 Novembre 2020 17:48
Alessandro Ravecca Alessandro Ravecca


“Troppe attività – affermano dall'associazione di categoria presieduta da Alessandro Ravecca – rischiano la chiusura: si stima che siano ben 130mila le imprese in difficoltà su scala nazionale. La chiusura di ristorazione e dei bar, oltre a mettere a terra il settore, sta facendo sentire i suoi effetti su tutti gli altri consumi, portando a un crollo generalizzato degli incassi anche nel commercio. Per questo è necessario un sostegno più ampio alle imprese che dall’inizio dell’emergenza Covid hanno sempre mostrato la massima disponibilità a collaborare per arginare il nemico comune, avanzando una sola richiesta: che a fronte di nuove chiusure, ci fossero interventi di sostegno certi, sicuri e condivisi”.

 

Confesercenti, riconoscendo gli sforzi fatti dal governo, ritiene insufficienti le misure adottate fino ad oggi. “Troppi settori sono esclusi dal Decreto Ristori, per questo abbiamo chiesto fin da subito un tavolo di monitoraggio nazionale per individuare le imprese realmente in difficoltà a prescindere da codice Ateco. Come Confesercenti pensiamo sia necessario prevedere l’estensione dell’esonero del versamento Tosap/Cosap per tutto il 2021".

"Si rende inoltre necessario – proseguono dall'associazione – un intervento mirato del governo per consentire ai Comuni l’esonero dal versamento Tari almeno per i mesi di novembre e dicembre 2020. In questa difficile fase è sempre più necessario evitare il rincorrersi di provvedimenti, ma è fondamentale dare certezza e prospettive chiare sul futuro alle attività economiche. Riteniamo quindi opportuno prevedere fin da subito misure relative al credito agevolato e sgravi contributivi per le attività produttive più in difficoltà in questa seconda fase Covid. Occorre anche prevedere sostegno per la categoria degli agenti e rappresentanti di commercio e del commercio all’ingrosso del settore hotel, restaurant, catering, e gli agenti e rappresentanti di commercio del settore turismo. Il commercio, le attività produttive saranno l’asse portante per la ripresa del paese finita questa emergenza, per questo oggi è più che mai fondamentale sostenerle ed essere al loro fianco”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Confesercenti La Spezia

Da oggi via alla raccolta firme online su quattro temi: sostegni alle imprese, fiscalità, accesso al credito e riaperture. Leggi tutto
Confesercenti La Spezia
Partirà anche una raccolta firme per una petizione online a supporto delle proposte della Confesercenti. Leggi tutto
Confesercenti La Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa