Stampa questa pagina

Schietto di Liguria alla scoperta del "pesto al mortaio" con Alberto Imparato In evidenza

di Doris Fresco- Imparato: "Un ‘sapere antico’ che merita di sopravvivere per le generazioni future e che rischiava di andare perduto".

Giovedì, 06 Giugno 2019 11:00

Torna a Lerici uno dei protagonisti più amati della tradizione ligure: il pesto. Sabato 8 giugno, dalle 17.30 all'Arci Borgata, uno dei massimi esperti dei 'pesto al mortaio' si cimenterà in una dimostrazione dal vivo e, a seguire, si potrà degustare un aperitivo e partecipare ad una cena di autofinanziamento dal significativo titolo 'Pesto e dintorni'.

Imparato, conosciutissimo a Lerici anche grazie alla sua competenza in materia, racconta: "Faccio il pesto nel mortaio da quando ero un ragazzo, lo vedevo fare dalla mia nonna che, da buona genovese, non  faceva mai  mancare questo prezioso condimento sulla pasta, spesso fatta in casa secondo la tradizione della Liguria (croxetti, mandilli de sea, etc) ed io ero affascinato ancora prima di gustarlo, dalla preparazione dello stesso che lei faceva rigorosamente nel mortaio di marmo".

Ancora una volta Alberto Imparato, introdotto da Bernardo Ratti, presidente della Società Marittima di Mutuo Soccorso, che organizza l'evento si esibirà in una dimostrazione dal vivo, sfoderando il suo mortaio: "Quello  di marmo della nonna, che tuttora io uso e mi trasporto in giro durante gli show cooking che tengo nei ristoranti e nelle gare, come il Campionato Mondiale dello scorso anno". 

Con la Marittima da anni Alberto è impegnato con numerose iniziative sul territorio, come i laboratori all'interno della rassegna Lerici Legge il Mare, ogni volta il pubblico resta a bocca aperta, guardando con i propri occhi la complessità di un'arte antica e dal sapore genuino: "Si tratta di un’arte che non si può insegnare e quindi tantomeno apprendere, se non con l’umiltà del discepolo verso il maestro. Si impara, quindi, osservando con attenzione chi lo sa fare e provando poi da se stessi, accettando consigli e raccomandazioni certo, ma soprattutto provando e facendo da soli sino a quando si raggiunge il miglior risultato possibile".

 Conclude Imparato: "Penso, con raccapriccio, a coloro che magari hanno un mortaio in marmo in bella vista in cucina ridotto a mero elemento decorativo, e si ostinano ‘per praticità’ a preparare questa salsa nel frullatore: d’accordo è tutto molto piu rapido, ma è il risultato che lascia a desiderare, e alla vista il composto ottenuto assomiglia piu ad un dentifricio alla clorofilla che al pesto. Fatte queste precisazioni penso che la preparazione del pesto al mortaio sia un ‘sapere antico’ che merita di sopravvivere per le generazioni future e che rischiava di andare perduto".

L'iniziativa si inserisce nel percorso 'Schietto di Liguria'; eventi con i quali Marittima e Borgata propongono alla cittadinanza incontri con la cucina tipica e con l'eccellenza dei prodotti liguri.  

PROGRAMMA 

  • Ore 17.30 dimostrazione di Alberto "il Pesto al Mortaio": ingredienti, preparazione
  • dalle 18.30 "Aperitivo Ligure" di Marco Greco
  • alle 20.30 cena di autofinanziamento "Pesto e dintorni". Posti limitati, necessario essere soci Arci.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Download allegati:
Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

I volontari di Protezione Civile della Pubblica Assistenza Croce Verde Arcola sono scesi in piazza per raccontare ai cittadini le raccomandazioni e le buone pratiche da tenere in caso di… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
L’ex ministro: “Tante battaglie comuni”. E poi rilancia: “Amministrazione Peracchini incapace. Ora coinvolgiamo gli iscritti, basta personalismi”. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa