A Pontremoli omaggio a Maria Cattani e a tutte le partigiane della zona In evidenza

Presentato il libro di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello "Sebben che siamo donne".

Martedì, 09 Ottobre 2018 12:41

 

Il tour di presentazioni del libro di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV Zona Operativa, tra La Spezia e Lunigiana” ha fatto tappa anche a Pontremoli, per iniziativa della Sezione Anpi di Pontremoli e dall’Istituto Storico della Resistenza Apuana.

Paolo Bissoli, a nome degli organizzatori, ha introdotto mettendo in rilievo l’importanza del libro anche a fini didattici: ha citato una recente tesi di maturità -di una studentessa del Liceo Scientifico di Villafranca- sulla Resistenza al femminile, imperniata sulla ricerca di Pagano e Mirabello. Il libro, ha concluso, “ci spinge a una riflessione politica, perché anche oggi ci viene chiesto di fare una scelta contro l’indifferenza, come seppero fare le partigiane e le donne sostenitrici dei partigiani oltre settant’anni fa”.

Alessio Giannanti, di Archivi della Resistenza, ha parlato di un “libro importante”, perché “spiega attraverso l’intreccio tra testimonianze e archivi, che le donne ebbero un ruolo fondamentale nella Resistenza, e non si limitarono al ‘contributo’ di cui per tanti anni hanno parlato gli storici”. Ciò vale per le partigiane in armi, le staffette, le deportate e per “le donne della resistenza civile”, “che non tirarono a campare ma fecero atti di solidarietà a rischio della vita”. “Il ‘grande colpo’ del libro -ha concluso- è aver ricostruito la vicenda delle madri, donne contadine come la Adele di Tenerano, la Lalla di Zignago, la Carmela di Antessio, che furono punto di riferimento fondamentale per tante brigate partigiane”.

Gli autori si sono soffermati sulle donne pontremolesi protagoniste del libro: Laura Seghettini, Angela Bastelli, Aurelia Cabrelli e Maria Cattani, presente in sala. Nella sua casa di Bratto Maria ospitò e protesse non solo il marito Nello e il cognato, ma molti altri partigiani, tra cui Dante Castellucci “Facio” e Gordon Lett, sfuggendo più volte alla morte per mano tedesca grazie all’intervento del prete di Bratto e al fatto che era incinta e che aveva con sé un figlio piccolo e due cognate bambine. “Nel nostro Pantheon devono stare le donne e gli uomini semplici, le contadine, le ragazze come Maria, che seppero in quella fase drammatica della nostra storia fare la scelta morale e assumersi la responsabilità di combattere per la libertà”.

Dopo l’omaggio dei tanti cittadini presenti a Maria Cattani, l’incontro si è concluso con l’intervento di Nando Sanguinetti dell’ Anpi di Carrara, che ha raccontato le vicende della madre, una delle tante donne che da Spezia, Carrara e Massa facevano lunghi viaggi verso Parma e la pianura padana, per rimediare al cibo che mancava scambiandolo con il sale prodotto in distillerie artigianali o con elementi del corredo. A queste donne, anch’esse tra le protagoniste del libro, è dedicato un monumento a Mignegno, all’inizio della Cisa.

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
Ass. Culturale Mediterraneo

Corso Cavour, 221
19122 La Spezia

Tel. 345 6124287
Fax. 0187 732765

associazioneculturalemediterraneo.com/sp/

Ultimi da Ass. Culturale Mediterraneo

“Sebben che siamo donne" è stato presentato nel borgo della Val di Vara. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo
Appuntamento domenica 14 ottobre alle ore 16,30 al Castello Doria Malaspina di Calice al Cornoviglio. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa