"Aspettando Pop.it", alla Pinetina del Centro Allende In evidenza

Sabato 11 agosto, ingresso gratuito.

Giovedì, 09 Agosto 2018 19:24

Aspettando Pop.It è un concerto organizzato da La Clinica Dischi in collaborazione con Metarock ed è una anticipazione del festival Pop.It che si svolgerà il 14 e 15 agosto alla ex ceramica Vaccari Di Santo Stefano di Magra. La serata vedrà la partecipazione di alcuni artisti emergenti del panorama nazione quali il riminese Luca Casali, il pisano Lorenzo Marianelli ed lucchese Stefano Nottoli oltre al gruppo spezzino degli Onda Libera.

I GRUPPI

Lorenzo Marianelli, nato a Pisa nel 1982, è da sempre appassionato del cantautorato in tutte le sue forme, con particolare attenzione alla commistione fra suoni acustici e suoni più moderni. È co-fondatore, arrangiatore, chitarrista e autore nei Betta Blues Society, band attiva in tutto il territorio nazionale e all’estero.
Il 18 Marzo 2018 è uscito “State Sereni”, il suo primo album solista interamente in italiano. Il disco spazia dal pop al folk e contiene nove brani originali in parte autobiografici che affrontano varie tematiche: dal compimento dei 35 anni al rapporto con Shakira, dalla paura per il matrimonio a quella per la domenica, dalla scomparsa del padre alla nascita della figlia. La tracklist è uno spaccato ironico e malinconico sulle proprie fobie e sulle crisi nervose che all’improvviso appaiono a fuoco, sotto una lente di ingrandimento che permette di osservarle con serenità e un briciolo di emozione.
Con il suo progetto solista Marianelli è stato tra gli artisti segnalati dal Premio Ciampi 2017 e ha vinto il Premio Ernesto De Pascale 2018 nell’ambito del Rock Contest organizzato da Controradio Firenze, un riconoscimento prestigioso che negli anni ha visto avvicendarsi, nel ruolo di Presidente di Giuria, artisti come Cristina Donà, Dario Brunori, Mauro Ermanno Giovanardi, Dente.

Stefano Nottoli nasce a Lucca addì 28 marzo dell'anno 1978. Dopo averlo visto, la mamma era propensa a chiamarlo Mattia, ma decide di votarsi a santi più potenti e vira su Stefano. Indeciso tra fare il professore di scienze ed il musicista, si risolve per entrambe le cose, compiendo esperimenti di chimica in sala prove e suonando le beute nel laboratorio scientifico. Da solista pubblica Ritagli di tempo (2012) e Parafango (2015), due pennellate ben definite in un percorso artistico dai colori già accesi e vivaci. Il 15.06.2018 è uscito per La Clinica Dischi ‘Non voglio essere normale', la sua ultima opera. L'album verrà anticipato dal singolo (con video) Hikikomori, presto fuori ovunque.“L'idea che sta dietro al disco nasce un giorno al mare con mio figlio, mentre lui sta giocando e io lo osservo; il pensiero che subito mi viene è rivolto alla mia compagna e al nostro modo di fare le cose, cercando una nostra autenticità, quella autenticità che ha mio figlio mentre gioca da solo. Di conseguenza penso a come le persone siano alla ricerca di una propria normalità, che a volte però si confonde in quelle tappe che vengono in uso. Convivenza: ok; figli: ok; casa: ok; matrimonio: ok; divorzio: pure. Non ci facciamo mancare niente. Ma cosa è la normalità? Cosa vuol dire essere normali? Quante volte sentiamo: trovati un lavoro normale, fatti una famiglia, sistemati, sposati. Penso che la risposta sia dentro di noi, in quella vocina che spesso mettiamo a tacere per far contento qualcun altro
E' uscito il 16 aprile 2018 per ‘La Clinica Dischi’ il nuovo album del cantautore riminese ‘LUCA CASALI’, dal titolo ‘LA SESTA ESTINZIONE’.
Luca Casali è un cantautore riminese, trasferitosi per alcuni anni in Australia e in Nuova Zelanda: una scelta che cambierà radicalmente la sua vita e la sua musica. Gli enormi spazi, i silenzi e i colori della terra ancestrale forniscono al cantautore la profondità necessaria per iniziare un percorso artistico musicale maturo. Rientrato in Italia, si inserisce nell’emergente scena cantautorale romagnola intrecciando diverse collaborazioni e presentando i suoi primi brani inediti. Un cantautorato australe, il progetto di Luca Casali prende forma e si sviluppa tra sonorità uniche ed evocative. Una fusione di generi musicali, con richiami che vanno dal blues al folk alla roots music, passando (in alcuni tratti) per l’alternative rock.
L'uscita del disco sarà anticipata dal singolo 'Come Iene', del quale è stato relizzato anche un videoclip.

ONDALIBERA: Nascono nel 2009 a La Spezia, esibendosi nei live club più prestigiosi della zona (e oltre) come Shake Club, Skaletta Rock Club, La Gabbia di Genova, The Cage a Livorno e altri. Partecipano ad Emergenza festival nel 2013, qualificandosi primi in giuria tecnica alla finale regionale di Livorno, e secondi in assoluto per voto del pubblico. Aprono nel 2014 diverse date del tour estivo di Irene Fornaciari, e nel 2015 vede la luce il progetto orchestrale e corale di Concerto Grosso, che li vede esibirsi sul palco del Teatro Civico nell’esecuzione dei loro inediti, accompagnati dall’orchestra del Liceo Musicale spezzino e dal giovanissimo Coro De André. Si aggiudicano nell’estate dello stesso anno la produzione del comune di La Spezia dopo essere stati vagliati da una giuria di esperti del settore, e da dicembre 2015 cominciano le registrazioni del loro primo disco presso il centro Dialma Ruggiero. Sono la performing band del musical “Il Barone Rampante” di Gloria Clemente (Italian Extravaganza, EXIT, Neri Marcorè, Caterina Guzzanti), in scena sul palco del Teatro Civico per tre giorni di fila con importante partecipazione di pubblico, e vengono inseriti nella stagione del festival BOSS 2016 di La Spezia, in apertura al Balletto di Bronzo. Vede la luce a gennaio 2017 il loro primo EP, "Avremo il Tempo". Partecipano con il loro progetto "La Città Invisibile", incentrato sulla rielaborazione inter-artistica del celebre romanzo di Italo Calvino, al Festival Andersen 2017, nella sezione "Racconti del Fico". Si dedicano allo studio e all'esecuzione del disco "Creuza De Ma" nell'ambito dello spettacolo da loro prodotto "Dal Bosforo a Gibilterra - Dialogo sul Mediterraneo".

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Doris Fresco- Proseguono gli appelli per restaurare quello che è un vero e proprio "monumento", luogo simbolo di Lerici. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Non ancora definitivo, si continua a scavare sotto le macerie. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa