Isola del Tino: inaugurato un percorso museale all'interno del faro (video) In evidenza

di Alessio Boi - La Marina Militare e l'Associazione Culturale "Il Mondo dei Fari" hanno organizzato una mostra all'interno del Faro di San Venerio. Sarà aperta al pubblico sabato 16 e domenica 17 settembre.

Mercoledì, 13 Settembre 2017 16:28

Video

Il 13 settembre è una data significativa per tutta la provincia spezzina e non solo: oggi è San Venerio, il patrono del Golfo della Spezia e protettore dei fanalisti, che visse da eremita sull'Isola del Tino, dove morì nel 630. Ogni anno il santo viene ricordato proprio su quell'isola con una visita al Faro di San Venerio, che viene aperto al pubblico solo per l'occasione, poichè il territorio è interamente zona militare.

 

Per questo motivo l'Associazione Culturale "Il Mondo dei Fari" si è per forza dovuta rivolgere alla Marina Militare per poter organizzare la mostra all'interno del faro: dentro la struttura è stato allestito un "Percorso Museale sulla storia dei fari e della loro tecnologia" fruibile dai visitatori, che racconta l'evoluzione storica e tecnologica sia nel campo della luce, che nelle fonti di energia e molto altro. All'interno sono appese foto dei vari fari d'Italia, modelli di determinati ingranaggi e utensili, pile dalla più grande e antica alla più piccola e moderna, il tutto visionabile nei vari piani, raggiungibili da scale piuttosto strette, che però aiutano a godere di un'esperienza unica, che si può vivere solo in questo fine settimana di settembre. Sarà possibile salire fino alla vetta, dove si può osservare l'attuale faro in funzione.

 

Il percorso è stato inaugurato questa mattina, con la partenza da Bachina Revel per fotografi, giornalisti, politici ed esponenti della Chiesa, con la presenza della Marina Militare che ha organizzato e coordinato gli spostamenti, guidando l'intera passeggiata dall'attracco fino alla piccola piazza sottostante la struttura, dove il Comandante del Comando Zona dei Fari e dei Segnalamenti Marittimi Alto Tirreno Stefano Gilli ha spiegato ai presenti parte della storia del Faro e dell'Isola del Tino, con un focus particolare sulla vita dei faristi. Poi la parola è passata ad Annamaria Lilla Mariotti, la Presidente dell'Associazione Culturale "Il Mondo dei Fari", la quale dichiara: "Molti case di faristi vengono cedute ai privati perchè rimangono inutilizzabili, i fari naturalmente no quelli rimangono alla Marina Militare, ma mi piacerebbe molto che queste case abbandonate venissero utilizzate per realizzare luoghi dedicati alla cultura, e che molti monumenti venissero mostrati ai giovani, in modo tale che non vengano perduti".

 

Alla fine della visita in preview, il Vescovo della Spezia-Sarzana-Brugnato Luigi Ernesto Palletti, con molti esponenti della Chiesa Cattolica, ha celebrato la messa all'aperto in ricordo di San Venerio, dopodichè la mattinata si è conclusa con la rituale benedizione delle imbarcazioni impartita dal Vescovo.

Abbiamo realizzato un video riassuntivo della giornata, con molte immagini mozzafiato anche del panorama visto dal Faro.

 

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il centrodestra pronto a prendersi la maggioranza. Cozzani probabile candidato a Calice o Vezzano. Peracchini avrebbe preso in considerazione la candidatura alle regionali 2020. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Per dormire nel migliore dei modi è bene scegliere cuscini e materassi di buona qualità. Confrontare solo i prezzi non è sempre una buona idea. Per chi vuole acquistare un… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa