Cabano e Cavallini presentano "E gose che l'aretornen", un viaggio poetico-scientifico nelle tradizioni popolari In evidenza

La presentazione sabato 18 gennaio alle 16.30 nella sala del consiglio del comune di Lerici

Mercoledì, 15 Gennaio 2020 15:51

Si intitola "E gose che l'aretornen", l'ultimo lavoro di Gino Cabano che vuole ancora una volta essere un "atto d'amore nei confronti del nostro territorio e, soprattutto, delle generazioni che lo hanno abitato", un'opera descritta come poetico-scientifica, realizzata con il contributo del dialettologo Pier Giorgio Cavallini per divulgare e valorizzare il patrimonio dialettale del borgo lericino.

La Serra ha un suo dialetto, una sua identità, che Cabano ripropone attraverso le pagine di questa raccolta di ninnananne, preghiere e non solo, scavando nei ricordi e nella memoria del borgo, per darle in dono alle nuove generazioni. 

Il libro verrà presentato il 18 gennaio alle 16.30 nella sala del consiglio del comune di Lerici.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Coinvolti nell'incidente uno scooter ed un furgone. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa