Nuovo ospedale, sotto esame la variante di Pessina: Provincia invasa dai faldoni In evidenza

di Gabriele Cocchi – Un’azienda incaricata da Ire sta verificando le 1.700 tavole. Una bocciatura sarebbe la parola “fine” per il cantiere del Felettino.

Venerdì, 05 Aprile 2019 11:48

1.700 tavole con dati e calcoli che delineano nei dettagli la variante delle fondazioni del nuovo ospedale del Felettino. Le ha presentate la settimana scorsa Pessina Costruzioni, l’azienda che nel 2015 ha vinto l’appalto, dopo una richiesta di ulteriori integrazioni.

Oggi (venerdì 4 aprile, ndr) a Genova c’è stata la prima riunione di Ire, la società in house della Regione Liguria che ha il ruolo di stazione appaltante, per l’analisi dei documenti presentati dall’azienda.

Ad occuparsi dell'esame delle tavole sarà un “verificatore”, un’impresa appositamente incaricata da Ire, che dovrebbe fornire i primi riscontri intorno alla metà di aprile, in vista di un’altra conferenza dei servizi che si terrà giovedì 18.

Si tratterà però di indicazioni di massima, non di carattere definitivo, ma che comunque consentiranno di capire se il percorso può andare avanti o meno. Oppure se un nuovo ostacolo, come un’altra richiesta di integrazioni, rallenterà ancora una volta un appalto che assomiglia sempre di più a una storia infinita.

Nel frattempo partirà anche l’analisi degli enti territoriali competenti: il Comune per la valutazione idrogeologica e la Provincia per quella sismica. Proprio la Provincia ha rilevato l’assenza di alcuni documenti, di natura esclusivamente amministrativa e non tecnica, che verranno richiesti a Pessina e Ire.

Il palazzo di via Veneto è stato letteralmente invaso dalle 1.700 tavole dell'azienda: ci sono volute ore per scaricarle e chiuderle a chiave all'interno di una stanza, ora interamente occupata dai faldoni. Un bel daffare per i tecnici della Provincia, che avranno l'onere di analizzare le carte. Un lavoro che richiederà non poco tempo.

IMG 20190305 WA0031

Tutta la questione gira attorno a una variante delle fondazioni (senza aumento di costi né di tempi) presentata a fine 2016 dall’azienda per scongiurare il rischio di cedimenti del nuovo ospedale a otto piani, dopo una raccomandazione ricevuta dalla Provincia.

Sono passati due anni e mezzo e, tra periodi di stallo e rimpalli di accuse tra Pessina e Ire, non si è ancora arrivati a un verdetto definitivo. Mentre il cantiere resta di fatto bloccato e la previsione di fine lavori, fissata a novembre 2020, è ormai l’ennesima data che non verrà rispettata.

Il rischio concreto è che Pessina, davanti a una bocciatura della variante, rescinda il contratto, magari anche con una richiesta danni e una segnalazione alla Corte dei Conti per danno erariale, come aveva fatto trapelare qualche mese fa.

Un contenzioso che bloccherebbe definitivamente il cantiere e sarebbe l’addio al nuovo ospedale, dopo la posa della prima e della seconda pietra.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il Manifesto per la Sanità locale ha deciso di aderire, con le proprie valutazioni e motivazioni, alla manifestazione provinciale del 25 ottobre indetta da Cgil, Cisl e Uil. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Ad un anno dalla scomparsa la società ASD Arcieri Sarzana ricorda il suo indimenticato Presidente Riccardo Cafagno. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa