Il progetto "Logopedia" di Isa 20 di Bolano In evidenza

L’Istituto Comprensivo ISA 20 di Bolano propone anche per l'anno scolastico 2018 - 2019 il Progetto “Logopedia”.

Domenica, 09 Dicembre 2018 13:02

Si tratta di un servizio di logopedia completamente gratuito aperto agli alunni di Scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado.
Gli interventi logopedici (consulenze alle famiglie, interventi riabilitativi con gli alunni) sono tenuti dalla dott.ssa Elena Brusacà, una volta alla settimana, in uno spazio debitamente attrezzato collocato nel plesso centrale dell'Istituzione scolastica.

L’intervento specialistico è totalmente finanziato dall’Associazione “Nuove Generazioni Onlus” che opera nel comune di Bolano e nei comuni limitrofi.
La scelta dell’Istituzione Scolastica e dell’Associazione “Nuove Generazioni Onlus” di promuovere questo progetto si fonda sulla consapevolezza che il linguaggio verbale ha un’importanza decisiva nello sviluppo delle capacità di interazione, di pianificazione e di progettazione, di comportamenti verso l' autonomia soprattutto nelle relazioni sociali e affettive.

La proposta del progetto “Logopedia” deriva anche dalla constatazione dell’incremento dei disturbi del linguaggio sia nella sua componente espressiva che recettiva, patologie che se non individuate e trattate tempestivamente possono avere una forte ricaduta su tutta la carriera scolastica degli alunni e l’evoluzione futura degli individui.
Nell'ambito dei servizi per l'età evolutiva, la patologia più diffusa è il Disturbo Specifico di Linguaggio (DSL) che rappresenta circa un quarto della casistica.

Il disturbo dello sviluppo del linguaggio che non è causato da altre patologie, ha importanti conseguenze negli apprendimenti curricolari quali la dislessia e le difficoltà generalizzate dell'apprendimento durante il percorso scolastico, come da tempo risaputo e recentemente confermato da vaste ricerche in ambito nazionale ed internazionale. Il Disturbo Specifico di Linguaggio (DSL) è molto diffuso, diagnosticabile a partire dai tre anni di età. Risponde al trattamento e risponde tanto meglio quanto più è precoce l'intervento riabilitativo ed è quindi importante l'identificazione precoce.

Dato l’incremento di questo genere di problematiche, l’impossibilità dei Servizi Sanitari Territoriali di rispondere a tutte le richieste, la difficoltà di alcune famiglie di rivolgersi privatamente a specialisti e il forte impatto che questo tipo di difficoltà può avere sulla carriera scolastica degli alunni, l’Istituto Comprensivo ISA 20 di Bolano e l’Associazione “Nuove Generazioni Onlus” hanno deciso di proporre gratuitamente questo servizio.
La Dott.ssa Brusacà fornisce, quindi, onsulenze ai genitori e propone interventi riabilitativi collaborando con le famiglie e con gli insegnanti.
“Siamo particolarmente soddisfatti dei traguardi raggiunti attraverso questo progetto” - spiega il presidente dell'Associazione Roberto Ferrara -”un numero considerevole di famiglie ha potuto usufruire, nel corso degli ultimi tre anni, di questo servizio specialistico”.
“E' nostra ferma intenzione proseguire anche nei prossimi anni questo importante supporto alle famiglie e ai bambini. Siamo consapevoli che la scuola di Ceparana, sapientemente diretta dalla Dirigente Scolastica dott.ssa Lucia Cariglia, sia l'unica nella provincia della Spezia ad offrire questo servizio specialistico di alto livello in forma totalmente gratuita e interna alla scuola.
Cogliamo l'occasione per invitare le famiglie a visitare i plessi del complesso scolastico nei prossimi open day che si svolgeranno nei prossimi giorni.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.istitutocomprensivobolano.gov.it

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

L’Avv. Castagnetti: "Abbiamo visto iniziative di una minoranza rumorosa e male informata". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Alessio Boi- Il libro racconta le esperienze dell'ex Ospedale Psichatrico Giudiziario di Napoli: un luogo di torture diventato terreno di inclusione e condivisione con attività gratuite. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa