Massaggiatrici abusive sulle spiagge delle Cinque Terre, attenti ai rischi In evidenza

Potrebbero provocare danni per la salute.

Venerdì, 08 Giugno 2018 17:39
Continua l'attività di numerose massaggiatrici abusive sulle spiagge monterossine.
I massaggi 'abusivi' in spiaggia sono ufficialmente fuorilegge: a fare le spese di tanta improvvisazione può essere la nostra salute.
Offerti in spiaggia da personale, per lo più orientale, non sappiamo quanto preparato, potrebbero, infatti, provocare danni. Quello più evidente è cutaneo, poichè l'igiene di questi 'manipolatori' è assolutamente approssimativa.
Le dermatiti, i funghi e le altre patologie più comuni della pelle si diffondono con estrema facilità. L'altro ordine di patologie si collega a quelle strettamente ortopediche legate alla manipolazione muscolo-tendinea che viene effettuata con tecniche assolutamente approssimative senza conoscere la storia clinica del cliente.
Il pericolo maggiore lo corre la colonna vertebrale, dove le radici nervose emergono dagli spazi intervertebrali, praticamente a pochi centimetri dalla superficie cutanea. A questo punto una digitopressione effettuata con tecniche approssimative può provocare infiammazioni delle radici nervose e di conseguenza contratture muscolari paravertebrali, che possono provocare blocchi articolari dolorosi e persistenti.

Dal punto di vista legale il ministero della Salute, dal 2008, ha emanato una serie di ordinanze che dichiarano queste pratiche fuorilegge con l’obiettivo di tutelare «l’incolumità pubblica dal rischio derivante dall’esecuzione di massaggi lungo i litorali», ma dal 2011 il divieto non è più stato confermato. Anche senza divieto, comunque, resta la legge che vieta l’esercizio abusivo di arti e professioni sanitarie e in caso di controlli rischiano multe sia i «terapisti da spiaggia» sia i loro clienti.

Sindaci e gestori degli stabilimenti balneari sono chiamati a sorvegliare che sui litorali affollati non vi siano massaggiatrici abusive che offrono prestazioni terapeutiche ai bagnanti al fine di salvaguardare la salute dei cittadini dai rischi derivanti da prestazioni effettuate in luogo non autorizzato da soggetti che non sono in possesso di comprovata preparazione e competenza.


(Testo: Nicola Busco)

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Si rincorrono le fake news allarmistiche. Il Comune costretto alla smentita. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
L'allarme di Confindustria: esportazione, portualità e logistica i settori più a rischio. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa