Il Dragun di Camogli è arrivato alle Grazie In evidenza

Per la festa patronale. La presenza dell'imbarcazione vuole essere anche un ringraziamento al Comsubin.

 

Lunedì, 06 Settembre 2021 19:07

 

La barca bandiera della cittadina del Golfo Paradiso, costruita da Ido Battistone, figlio di genitori graziotti, che nel 1936 si trasferirono a Camogli sull’onda del richiamo dei lavori subacquei, è tornata nel borgo. Per l’occasione il Cantiere della Memoria ospiterà una mostra sulle due storie: quella del Dragun e quella dell’assistenza data ai palombari di Comsubin alla comunità camoglina dopo il crollo del cimitero.

L’arrivo del Dragun alle Grazie, scortato dalla goletta Oleferne e dai giochi d'acqua dei rimorchiatori, è stato salutato dalla comunità graziotta.

La barca ha preso ormeggio nel porto antico; alle 21 l’inaugurazione della mostra. Il 7 settembre l’omaggio del Dragun a Comsubin, ospite della base strategica. L’8 settembre, invece, il Dragun sarà alle Grazie per animare l’insenatura in occasione della festa patronale e per permettere (su prenotazione al 3331379627) imbarchi per brevi vogate di defilamento. A seguire il Dragun parteciperà ai festeggiamenti di San Venerio sull’isola del Tino.

Nell'occasione dell'arrivo del Dragun, a bordo della goletta Oloferne, che sarà alle Grazie a ricevere la barca di Camogli nell'ambito della manifestazione, ci sarà l’equipaggio del progetto ISI istruzione, sport, inclusione composto da ragazzi con sindrome di down e ragazzi del Nautico di Carrara che navigheranno insieme per una settimana per vivere, in gruppo, l'esperienza di una marineria ufficiale.

 

Le Grazie città di palombari, maestri d’ascia e della sagra del polpo; Camogli città di armatori, comandanti e della sagra del pesce. Due perle della Liguria espressioni di un comune sentire: l’amore per il mare e la gratitudine verso coloro che lavorano in esso e per esso. Storie antiche e recenti si sono intrecciate contribuendo a rafforzare un’amicizia di lunga data; a consolidarla sono stati i palombari del Comsubin, la base della Marina in simbiosi col paese. Gli uomini dei reparti subacquei lo scorso inverno hanno effettuato il recupero dei resti dei defunti travolti dalla frana che, il 22 febbraio scorso, ha fatto crollare in mare parte del cimitero di Camogli. A loro, in occasione della festa della Madonna delle Grazie -nell’ambito di un programma di iniziative e ospitalità promosso dalla Pro Loco delle Grazie, dal Cantiere della Memoria, dall’associazione La Nave di carta e dall’associazione Amici dell’isola del Tino - giunge l’inchino del Dragun.

Clicca qui per vedere il video.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Elena Voltolini - In merito al ripristino degli orari pre-pandemia a Pitelli e alla Foce, però, nessuna novità. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa