Turista "stangato" dal semaforo delle Grazie: la sua denuncia e la sua proposta In evidenza

Il nostro lettore racconta quanto gli è accaduto e chiede che il semaforo venga segnalato in modo migliore e ne venga cambiata la modalità di funzionamento.

Domenica, 22 Agosto 2021 19:11

 

Il semaforo che un nostro lettore, che vive a Lucca e frequenta saltuariamente la provincia spezzina, mette sotto accusa è quello che si trova sulla strada provinciale che porta da Porto Venere alla Spezia, andando in direzione del capoluogo prima del tornante che conduce al borgo delle Grazie.

Il semaforo, preceduto da un cartello che ne segnala la presenza, serve a consentire agli autobus di effettuare la manovra sul tornante con maggiore sicurezza ed avendo a disposizione uno spazio più ampio.

Il nostro lettore così racconta quello che gli è successo il pomeriggio di Ferragosto: “Stavo percorrendo la strada in direzione Spezia dietro ad un autobus. Arrivato nei pressi del tornante ho visto l’autobus accostarsi sulla sinistra ed io ho continuato la marcia, vedendo il semaforo arancione. Dietro di me c'era una pattuglia dei Carabinieri che mi ha fermato e mi ha fatto una multa di 170 euro, oltre a togliermi 6 punti dalla patente, sostenendo di avermi colto in flagranza a passare con il semaforo rosso. Io ho osservato subito di nuovo il semaforo ed era lampeggiante proprio come l’avevo visto prima”.

Il nostro lettore, che sottolinea di aver già proceduto al pagamento del verbale, pur non condividendolo, denuncia: “Credo che in quel punto, con quel semaforo, la sicurezza sia discutibile ed il modus operandi vigente vada rivisto e soprattutto corretto!
Non so se sono l’unico, e nemmeno mi interessa saperlo, ma prendere una multa in questo modo è un vero boccone amaro. Un fatto simile sui viali lungomare della Spezia non sarebbe successo perché lì ci sono molti semafori, ma tutti ben regolati e segnalati ed i conducenti che non li rispettano è giusto che siano sanzionati”.

Quali sono le sue proposte e le richieste?
“Vorrei che questo semaforo venga segnalato in modo migliore e che sia messo in sicurezza. Da lampeggiante non può diventare subito rosso. Credo che i conducenti vadano messi in grado di poter rispettare le regole della strada.
Una soluzione semplice e, a mio avviso, risolutiva potrebbe essere di mantenere il semaforo sempre verde e farlo diventare arancione e poi rosso quando l’autista arriva con l’autobus e clicca il telecomando, per poi tornare sempre verde fino all’arrivo dell’autobus successivo. La luce verde, invece della luce arancione lampeggiante, cattura maggiormente l’attenzione e tiene pronti ed in guardia i conducenti”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Elena Voltolini - In merito al ripristino degli orari pre-pandemia a Pitelli e alla Foce, però, nessuna novità. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa