Amnesty International sbarca alla Spezia

Il 10 dicembre il gruppo spezzino di Amnesty accenderà delle candele lungo l'ultimo tratto del Molo Italia.

Giovedì, 03 Dicembre 2020 19:03

È nato anche alla Spezia un gruppo Amnesty International, la grande comunità globale fondata nel 1961 e che oggi conta 7 milioni di attivisti in oltre 150 paesi e territori con un obiettivo comune: combattere la violazione dei diritti umani con campagne e attività di informazione e sensibilizzazione. Diritti sanciti dalla Dichiarazione universale dei diritti umani dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1948.

Interviste radiofoniche e in streaming con ospiti d’eccezione, profili social già molto attivi, programmi educativi in via di definizione e molto altro sono tra le prime azioni messe in atto da questo gruppo appena nato e formato da studenti universitari di scienze politiche e scienze sociali e anche da professionisti locali impegnati in ambiti diversi, dall’avvocatura al giornalismo fino alla scuola.

«L’idea di fondare un gruppo Amnesty alla Spezia nasce dall’esperienza di vita associativa fatta da molti di noi nelle città universitarie in cui abbiamo studiato – afferma Matteo Sampiero, responsabile del gruppo spezzino fondato insieme agli altri promotori Federico Lera, Ilaria Briglia, Nora Diofili, Paolo Melillo, Lorenzo Ratti, Lucrezia Monteverdi, Andrea Onnis, Valentina Bosello, Alessia Briganti, Marta Diofili e Annamaria Giannetto Pini – Siamo consapevoli che in questo momento non si possano fare cose in presenza, quindi cerchiamo di sfruttare l’opportunità delle dirette online e degli eventi social per poter raggiungere comunque più persone possibile. Avendo alle spalle una comunità così importante come Amnesty unita alla nostra voglia di fare, possiamo organizzare grandi cose».

Il 10 dicembre, in occasione della Giornata Internazionale dei Diritti fondamentali, data simbolo dell’attivismo per i diritti umani, il gruppo spezzino di Amnesty, nel rispetto delle norme anti-Covid vigenti, accenderà delle candele, simbolo di Amnesty, lungo l’ultimo tratto del Molo Italia, nei pressi del Faro. Di nuovo un simbolo di speranza, guida e protezione e, in questo caso, anche della città della Spezia dove Amnesty ha aperto da poco una nuova casa.

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / 334 9925634 / Instagram: amnesty.laspezia / Facebook: Amnesty International La Spezia

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il 2020 è stato l'anno di un vero e proprio boom del trading online. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa