Sarzana: inaugurata la targa in onore delle vittime delle foibe In evidenza

di Alessio Boi - Il Sindaco: "Adesso giustizia eterna è scolpita sulla pietra". Rampi: "La Patria è stata per troppo tempo irriconoscente, Sarzana ha appena iniziato".

Lunedì, 10 Febbraio 2020 18:46

"Doveroso riconoscimento per le violenze subite l'amministrazione e la cittadinanza di Sarzana rendono onore nella Patria alle popolazioni Istriane, Giuliane, Dalmate vittime delle foibe, dell'esilio e dell'oblio. Il dramma delle stirpi non fu mai tanto veemente".

Questo si legge sulla targa inaugurata nel pomeriggio di oggi, 10 febbraio, Giorno del Ricordo. È proprio dedicata a questa ricorrenza la pietra scalfita con queste parole che riportano alla memoria momenti crudi di una strage avvenuta tra il 1943 e il 1945, quando cittadini italiani venivano uccisi dal regime comunista jugoslavo. È stato riportato alla mente questo giorno e celebrato nella sala del consiglio comunale di Palazzo Roderio, luogo dove è stata fissata la lastra, con una cerimonia alla quale hanno partecipato cittadini, membri dell'amministrazione, Forze dell'Ordine, il giornalista Marco Gregoretti e Andrea Manco, presidente dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD), questi ultimi entrambi "figli di un esodo", hanno ricordato i momenti più emblematici di questi eccidi.

"Siamo qui nella Sala del Consiglio Comunale per rendere giustizia, per far si che questa sia eterna e scolpita sulla pietra, proprio nella sala più importante della città, dove si incontrano i cittadini e i loro rappresentanti- apre la cerimonia il primo cittadino di Sarzana Cristina Ponzanelli- quest'aula darà giustizia eterna ai nostri fratelli, ricordandone le sofferenze, ridando una memoria per troppi anni dimenticata".

Poi tocca a Carlo Rampi, presidente del Consiglio Comunale, ma mentre inizia il suo discorso il tricolore che copriva momentaneamente la lapide prima di essere svelata al pubblico si stacca, e commenta: "È un segno, la memoria vuole scoprirsi, rivelarsi, anche se è tardi per mettere targhe, andavano messe molto tempo fa- poi prosegue- non furono solo gli eccidi e la violenza, molta gente fu costretta ad andarsene perché rischiava col regime di Josip Broz Tito- poi conclude- la Patria è stata per troppo tempo irriconoscente, ma questa amministrazione, qui a Sarzana, ha appena iniziato".

La parola passa ad Andrea Manco: "La verità storica non può mai essere nascosta: furono migliaia i cittadini costretti a lasciare la propria terra, si trattò di vera pulizia etnica, condannando le persone a una vita di stenti. Questa è una ferita di tutto il popolo italiano".

Conclude il giornalista Marco Gregoretti, che riporta alcune testimonianze vissute dalla sua famiglia, testimoni e vittime dirette di quegli orrori.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"La manutenzione infrastrutture sia priorità nella ripartenza post emergenza" Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Le parole dell'assessore del comune di Aulla Giada Moretti e dell consigliere comunale Giovanni Chiodetti. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa