E' di Monterosso il professore autore dei tweet pro-Hitler e la comunità prende le distanze In evidenza

Il Sindaco Moggia: "Nulla a che spartire con chi fa apologia del nazismo. Noi coltiviamo la memoria dell'Olocausto".

Lunedì, 02 Dicembre 2019 23:23

 

“La comunità di Monterosso al Mare nulla vuol avere a che spartire con chi manifesta apologia del Nazismo. Adolf Hitler non ha "difeso l'intera civiltà europea", bensì ha tradito l'Uomo e l'intera Umanità. Questo è il Peccato dei Peccati e, come tale, imperdonabile ed indifendibile.
Siamo invece impegnati da anni a coltivare la memoria dell’Olocausto e del dramma del secondo conflitto bellico mondiale con un corso di educazione civica rivolto a tutti gli studenti delle nostre scuole”.
E' questo il commento del Sindaco di Monterosso Emanuele Moggia in merito alle parole scritte su Twitter da Emanuele Castrucci, attualmente professore di filosofia del diritto all'Università di Siena, originario proprio del borgo delle Cinque Terre.

Il primo cittadino è quindi voluto intervenire in modo chiaro e netto, per prendere le distanze, a nome personale, ma anche di tutta la comunità che rappresenta, dal professore al centro della bufera.

Castrucci, infatti, il 30 novembre, ha postato su Twitter una foto di Hitler accompagnata da queste parole scritte come se fossero pronunciate dal dittatore: “"Vi hanno detto che sono stato un mostro per non farvi sapere che ho combattuto contro i veri mostri che oggi vi governano dominando il mondo".
Anche alcuni giorni prima aveva scritto parole palesemente filo-naziste.

Il rettore dell'Università ha annunciato provvedimenti.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Le associazioni bocciano la passerella su viale Italia. Richieste di sospensione dell’iter da tutte le forze politiche: Fratelli d’Italia invece difende il progetto. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Modificato il regolamento comunale. La richiesta è arrivata in particolare dal parroco di piazza Brin don Francesco Vannini. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa