Processo di formazione Piano di Gestione sito UNESCO “Cinque Terre, Porto Venere e le Isole Palmaria, Tino e Tinetto” In evidenza

Lunedì 8 febbraio 2016 alle ore 18,00 presso la sede del Parco Nazionale delle Cinque Terre – Via Discovolo c/o Stazione Manarola un  incontro pubblico.

Mercoledì, 03 Febbraio 2016 22:06

Su proposta dello Stato Italiano, il sito "Porto Venere, Cinque Terre e isole, Palmaria, Tino e Tinetto" è stato iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO nel 1997, in quanto la comunità internazionale, attraverso il Comitato del Patrimoino Mondiale, ha riconosciuto che "La Riviera Ligure di Levante tra le Cinque Terre e Portovenere è un sito culturale di valore eccezionale, che rappresenta l'armoniosa interazione tra le persone e la natura per produrre un paesaggio di eccezionale qualità scenica, e che rappresenta uno stile di vita tradizionale che esiste da più di mille anni e continua a svolgere un ruolo socio-economico importante nella vita della comunità".

L'iscrizione alla Lista del Patrimonio Mondiale porta prestigio e visibilità – i siti UNESCO, infatti, sono in tutto il mondo riconosciuti per la loro eccellenza - ma comporta anche la responsabilità di salvaguardarne i valori per la loro trasmissione alle generazioni future, attraverso misure di protezione e di gestione adeguate e strategie di sviluppo sostenibili e compatibili con i valori del sito. Per garantire il raggiungimento di questi obiettivi, il Comitato del Patrimonio Mondiale richiede che sia messo a punto un sistema di gestione (e di un piano).

A questo fine nel 2007 è stata siglata un'intesa interistituzionale tra Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Liguria, Parco Nazionale delle Cinque Terre e Parco Naturale Regionale di Porto Venere, mentre nel 2014 è stata siglata una convenzione tra Segretariato Regionale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per la Liguria e FILSE s.p.a. (Finanziaria Ligure per lo Sviluppo Economico della Regione Liguria) per la redazione del Piano di Gestione del sito UNESCO "Porto Venere, Cinque Terre e isole, Palmaria, Tino e Tinetto".

Il Piano di Gestione di un sito UNESCO si fonda su una visione per il futuro del sito condivisa e a lungo termine e delinea azioni e priorità per darvi attuazione. Il Piano quindi ha bisogno di un percorso di consultazione e concertazione tra gli enti interessati e le comunità locali che, attraverso le proprie rappresentanze (municipalità, associazioni, cittadini...), in varie forme e momenti sono coinvolti nella definizione del sistema di gestione e delle priorità di azione.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Parco Nazionale delle Cinque Terre

Scelto dal ministro Costa. La presidente Donatella Bianchi: "Si completano gli organi direttivi". Leggi tutto
Parco Nazionale delle Cinque Terre
Verrà inviato il materiale, sotto forma di dispense, a ciascun iscritto alla giornata formativa. Leggi tutto
Parco Nazionale delle Cinque Terre

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa